[fumetti] L'Uomo Ragno Manga


L'Uomo Ragno nasce nel 1962 in America.
Ma è chiaro che questo popolarissimo supereroe Marvel ha fatto breccia nei cuori a mandorla dei giapponesi: se la serie live-action stile Power Rangers è nota ai più, il fumetto che vi presento oggi risulta... dimenticato!
Alla fine del 1969 anche il Giappone ebbe il suo Spider-Man!

Opera a cura nientepopodimenoché di Ryoichi Ikegami (noto in Italia per Mai, la ragazza psichica, Crying Freeman, Sanctuary), Spider-Man Manga fu raccolto in cinque corposi volumi.
In Italia è arrivato nella primavera del 1998, in piena seconda fase d'oro per i fumetti giapponesi qui nel nostro paese.
A pubblicarlo, ovviamente, era la Planet Manga (divisione della Marvel Italia), ma a essere dato alle stampe, sottoforma di esperimento, fu solo il primo tankobon.
Peraltro suddiviso in tre volumetti, che da noi si videro appunto tra aprile e giugno del '98.

Qui non ebbe sicuramente successo, mentre in patria è un piccolo cult, nato dai tiepidi riscontri dell'originale americano tradotto in giapponese.
Ikegami (che già disegnava le cover per l'edizione giapponese dello Spider-Man reale) rielaborò la storia di Peter Parker, trasportandola a Tokyo.
Yu Komori è un liceale sognatore e studioso che, partecipando a un esperimento, viene morso da un ragno radioattivo.



Affronterà così le versioni nipponiche di Electro, Lizard e Kangaroo; appassionato di fotografia, collaborerà con un giornale della città.
Ma la cosa che subito salta all'occhio è il senso di cupezza che incombe sui personaggi e sulla storia.
Il vero e proprio sentore di morte, di tristezza tipico di molti manga di quell'epoca lì, del tutto assente nello Spider-Man americano a lui contemporaneo, che anzi era sempre più pop.

E così non c'è da stupirsi se i nemici muoiono (e male), e se Komori si domanda spesso il perché di ciò che sta vivendo, facendolo con quella sensazione di atroce inadeguatezza riscontrabile in certe opere.
A quasi venti anni di distanza, l'opera risulta interrotta e purtroppo i fan italiani non sapranno mai come terminano le avventure de L'Uomo Ragno Manga.

20 commenti:

  1. Risposte
    1. Non male, a me i fumetti con queste atmosfere tragiche piacciono^^

      Moz-

      Elimina
  2. Risposte
    1. Particolare ma perfettamente giapponese^^

      Moz-

      Elimina
  3. Mi sa di una cosa tipo "pizza al sushi", molto, forse troppo fusion...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà riesce a fondere bene il lato supereroistico americano con gli stilemi giappo...^^

      Moz-

      Elimina
  4. Mi ricordo che comprai esaltato il primo numero quando uscì in edicola nel 1998, da grande appassionato dell'Uomo Ragno non potevo perderlo, però non mi esaltò moltissimo, anche perché allora ero nel pieno della famigerata "Saga del Clone" Ragnesca ;-) Cheers

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh, capisco!
      Non so, a me piacque abbastanza perché quell'atmosfera anni sessanta/settanta, cattiva, non c'era nella serie americana^^

      Moz-

      Elimina
  5. Purtroppo è frequente nei manga che restino senza un finale... :(
    Rendere cupo l'Uomo Ragno non so quanto possa piacere ai "puristi": quel poco che ho letto delle storie americane offrono storie tutto sommato scanzonate, per accontentare un preciso pubblico.

    Sarei curioso di sapere se le tavole dell'edizione nipponica sono giunte in Italia ribaltate all'occidentale o meno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono giunte con lettura occidentale.
      Un anno prima, lo stesso manga arrivò in USA per la Viz, sempre a tavole ribaltate.
      Purtroppo sono molte le serie rimaste incomplete in Italia.

      Moz-

      Elimina
    2. Quindi esiste un finale ma non è stato tradotto?

      Elimina
    3. In Giappone la serie si compone di 5 volumi, da noi è arrivato solo il primo (diviso in tre numeri); penso che un finale, anche vago, in patria esista! :)

      Moz-

      Elimina
    4. Ops, non avevo proprio capito! Credevo che Planet Manga fosse stata la prima a proporlo in Italia, ma che da allora ci fossero state altre edizioni che proseguivano la pubblicazione dei volumi inediti.

      Comunque su Wikipedia Italia si accenna a questo manga ma pasticciano con l'articolo lasciando intendere un sequel nel Ragnoverso (???).
      Forse più attendibile (come spesso succede) è la pagina dedicata nella Wikipedia inglese, dove pare che le ultime storie pubblicate perdano alquanto i toni delle prime (quelle arrivate in Italia).

      Elimina
    5. Se ho ben capito la faccenda, Yu Komori forse è un personaggio Marvel a tutti gli effetti, di una qualche Terra probabile dell'Universo Marvel. E in qualche saga del Ragnoverso deve essere ricomparso.
      La Planet Manga sicuramente è stata la prima (e unica) a proporlo in Italia, come esperimento in tre numeri che non ha avuto successo.

      Moz-

      Elimina
    6. L'ubicazione di Yu Komori nell'universo Marvel viene data su Earth-70019, da dove provengono anche Inumaru, Kangaroo, Kitagawa (un Mysterio con gli occhi al posto delle tette!) e Shiraishi... In pratica dovrebbe essere un universo creato apposta per questo manga (e riconosciuto dalla Marvel), visto che non è menzionato in altre opere.

      Notizie trovate su Marvel Wikia.

      Elimina
    7. Sì, è riconosciuto dalla Marvel perché è Marvel in tutto e per tutto, questo manga è comunque della Marvel, scritto e disegnato col benestare della Casa delle Idee ammmerrigana :)

      Moz-

      Elimina
  6. Non conosco affatto, mai sentito mai visto, perché di Manga non ne ho mai comprato, comunque storia interessante ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come mai niente manga?
      Niente fumetti in generale o solo quelli di provenienza giapponese?

      Moz-

      Elimina
    2. Compravo solo il Topolino, gli altri non mi attiravano, i cartoni animati giapponesi potevano bastare ;)

      Elimina