[exit pool] qual è il vostro varietà televisivo preferito?


Dopo avervi chiesto, con referendum pop(olare) se siete disposti a mettervi con me (qui), oggi parliamo invece di televisione.
La trasmissione del programma-evento Nemicamatissima, con Lorella Cuccarini e Heather Parisi, ha riacceso riflessioni sullo stato attuale della tv italica.
Celebrando gli anni '80 e '90, Nemicamatissima propone una tipologia di show che latita sempre di più: il varietà. Un tempo amatissimo e padrone dei sabati sera, oggi forse costoso e possibile solo se diventa evento (vedi Fiorello o Celentano).

La mia domanda-sondaggio di oggi, per voi, è: qual è il vostro varietà televisivo preferito?
Quindi, attenzione: non parliamo di reality, quiz, rotocalchi e via dicendo. Solo di varietà.
Palla a voi, Fantastici e Portobelli amici!

51 commenti:

  1. Beh, diciamo che i veri varietà della mia generazione sono stati proprio i Fantastico degli Ottanta, ma non ho disdegnato né le diverse edizioni di Panariello né quelle di Fiorello. Il varietà del sabato sera deve essere un mix di raffinatezza e intrattenimento, con artisti veri, accreditati, una buona fotografia e una buona regia. Adoro quei siparietti con gli ospiti, occasioni in cui hanno tirato fuori monologhi molto belli, che mi sono andata a ricercare.
    Non mi convincono molto invece formule come quella del duo Parisi-Cuccarini, oppure Cortellesi-Pausini. Non so perché ma mancano di un "quid" e finiscono con l'annoiarmi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, tutto vero quel che dici.
      Il varietà è così, e oggi manca proprio perché non esiste più quella tv raffinata di una volta, dove anche la battuta piccante era trattata in un certo modo. Oggi è tutto volgare.
      Parisi-Cuccarini diciamo che è più un revival, io però affiderei a loro due proprio un vero programma di 5-6 sabati^^

      Moz-

      Elimina
    2. Non è varietà del sabato sera se non presenta Pippo Baudo! ^_^

      Elimina
    3. Ahaha, l'ultimo Highlander :)

      Moz-

      Elimina
    4. Veramente è siciliano! :D

      Elimina
    5. Vabbè, allora i paesi bassi :p

      Moz-

      Elimina
  2. Guarda mi prendi proprio in castagna da questo punto di vista ..vedo poca televisione e spesso su comando.
    Devo guardare i balletti.... quindi seguo a volte amici ..e mi fermo anche agli eventi sportivi o concerti...il resto è buio totale..
    Baciottone amico mio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, nei varietà avoglia a balletti e coreografie^^

      Moz-

      Elimina
    2. "Ballando con le stelle" è un varietà o un reality? Ballano molto ma c'è un torneo tra vip...

      Elimina
    3. A metà tra i due generi, credo...

      Moz-

      Elimina
  3. La televisione serale è dedicata generalmente a un avvenimento calcistico, oppure un film di Sky on demand.
    Quindi niente varietà.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ok il calcio, ma ai tempi del varietà mica c'era Sky! XD

      Moz-

      Elimina
  4. Naturalmente nessuno.
    A meno che tu non mi lasci tornare all'infanzia, periodo in cui ne vedevo parecchi e alcuni mi piacevano. Ad esempio quelli cabarettistici come il mitico NON STOP... ma mi viene in mente anche NOI NO, con Sandra Mondaini e Raimondo Vianello (mi piaceva soprattutto la doppia sigla finale, con lei che faceva il classico balletto e lui chiuso in uno scantinato da carbonari a tentare di cantare una strana canzone in Tedesco...)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, ma infatti si possono citare quelli dagli anni '60 a oggi :)
      Eheh, io questi non li ho vissuti, ma sicuramente saranno stati grandiosi e soprattutto garbati :)

      Moz-

      Elimina
    2. Garbati, hai detto la parola esatta! Ho visto degli spezzoni con Walter Chiari, Aldo Fabrizi, Peppino De Filippo... Il mitico sketch di Totò "Pasquale"! Cose che fanno ridere ancora oggi, perché è umorismo senza riferimenti di satira... Oggi si fa ridere per argomenti che non so se fra trent'anni interesseranno qualcuno.

      Elimina
    3. Infatti oggi tutto è contestualizzato, troppo.
      La risata è a tempo determinato.

      Moz-

      Elimina
  5. Ops: ho dimenticato il massimo del cult (ma non so se possano essere considerati "varietà", così come del resto Non Stop): le trasmissioni di Renzo Arbore del tipo Quelli della notte e Indietro tutta - roba troppo divertente e troppo intelligente per la tv di oggi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, ti giuro: ero tentato di scrivere "esclusi Arbore e co." perché quelli sono proprio un genere (di varietà) a sé, totalmente pseudotelevisivo. Erano delle genialate vere e proprie, che HO VISTO (eh, questi sì^^)

      Moz-

      Elimina
  6. ... e tutti quelli di Raitre con Corrado Guzzanti & Company (la prossima volta ci penso un po' prima di commentare frettolosamente, che è meglio...) :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quelli mi piacevano nella seconda metà dei '90, poi sempre meno. Oggi forse sarebbero superati, boh.

      Moz-

      Elimina
  7. Confesso di seguire Tale e quale con tanto divertimento (Cirilli a parte). Vale?
    Facendo zapping mi sono imbattuto sull'Uno, ieri, ma tra playback e gobbi letti spudoratamente mi ha fatto parecchia tristezza. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vabbé ma i gobbi li legge chiunque, ieri li hanno solo inquadrati spesso XD
      Tale e quale vale, perché no^^

      Moz-

      Elimina
    2. A "Non è la Rai" non c'era il gobbo, le ragazze erano telecomandate da Boncompagni via auricolare...

      Elimina
    3. Vero, è un altro tipo di gobbo, diciamo^^

      Moz-

      Elimina
    4. Figuriamoci se in regia ci fosse stato Andreotti... Ma lui era impegnato in cose più grosse...

      Elimina
    5. AHAHAHA, questa è cattiva :p
      Ma comunque pure Giulio era un gran regista :p

      Moz-

      Elimina
  8. E' un format che mi annoia, ma ormai credo di avere una forma mentis che mi porta a essere molto distante dai programmi televisivi.
    Tutto ciò che guardo praticamente lo vedo con il computer.
    Per dirti, fanno Le Iene?
    Ci sono alcuni servizi che mi interessano ( di solito quelli di Pelazza e/o Maisano), mentre alcuni più "populisti" come in genere quelli della Toffa, Viviani,Golia ecc.ecc. ultimamente li evito come la peste.
    Non reggo più le interminabili pubblicità e frasi fatte dei presentatori, ed ecco perché ho praticamente smesso di seguire la tv se non per qualche cartone animato o partita della Juventus in chiaro.
    Ti dirò che essendo cresciuto a pane e tv, non lo avrei mai pensato, ma d'altronde mi è già capitato prima con i videogiochi e poi con il cinema.
    Sto invecchiando, porca Eva!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, sei entrato totalmente nel sistema della tv fai da te.
      Un sistema per carità ottimo, ma che a me non piace molto. Preferisco i bei vecchi palinsesti :)

      Moz-

      Elimina
  9. Hai visto Stasera Casa Mika su Rai due?
    Ecco, quello sì che è un bel varietà. Peccato che la Rai non abbia avuto il coraggio di farlo il sabato sera su Rai uno e l'abbia relegato al martedì su Rai due.
    C'è voluto uno straniero per riportare il bel varietà sulla TV italiana!
    Peccato che martedì c'è l'ultima puntata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho visto (non interamente) un paio di puntate. Sì, quello è un varietà coi fiocchi.
      E ha funzionato. Spero lo riconfermino :)

      Moz-

      Elimina
  10. da piccolo ricordo che ridevo molto guardando i varietà condotti da Raimondo Vianello e Sandra Mondaini; non ricordo il titolo ma per chi è abbastanza vecchio da ricordarselo è quello con la sigla finale in cui la mitica coppia fa la parodia di Tarzan... inimitabili e irraggiungibili!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sigla vista di recente non ricordo in quale programma amarcord.
      Vero, loro due sono stati dei grandi della tv.

      Moz-

      Elimina
  11. Non so se il varietà come lo intendi tu sia il genere di programmi che ho apprezzato io.
    A me piaceva molto "Drive in", che ha lanciato molti grandi comici (alcuni già scomparsi prematuramente) nonché un nuovo genere di spettacolo basato su gag serrate e un palco usato solo occasionalmente...
    Poi ti direi i programmi di Corrado in genere, in primis la sua "Corrida" (e solo quella) ma anche "Ciao gente", precursore dei vari "Mezzogiorno in famiglia" di Guardì, basato su sfide tra paesi...
    Infine i programmi del Bagaglino, specie quando nel corpo di ballo militava Paola Quilli, la ragazza che mi ha distolto gli ormoni da Jun Hono de "Il Grande Mazinga"...

    Ho visto anche qualcosa della tv che fu, le "Canzonissime", i programmi di Sandra e Raimondo, ma non avendoli vissuti all'epoca non li ritengo rappresentativi della "mia" televisione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il Bagaglino... per me è solo Pamela Prati *__*
      Drive In e compagnia più che altro erano programmi comici, certo molto particolari (a metà strada, diciamo). Era altra tv, ma cose buone ci sono anche adesso...

      Moz-

      Elimina
    2. Non ho mai stravisto per la "diva" del palco... Su palco del Margherita ci hanno ballato anche Gabriella Labate, Lorenza Mario... Per non parlare di tutte le componenti del corpo di ballo: sorelle Puccetti, gemelle Fortuzzi, Angela Melillo, Alessandra Pesaturo... Oggi avrebbero 10 fanpage ciascuna su Facebook e Instagram, credimi!

      Elimina
    3. Ahaha, sei un esperto!! XD

      Moz-

      Elimina
    4. Trovo più logico per un ragazzo dell'età che avevo essere esperto di ballerine che di calciatori... ;)

      Elimina
    5. In effetti c'è sempre qualcosa di sordidamente omosessuale nell'amore per i calciatori XD

      Moz-

      Elimina
  12. Da piccola ero in fissa con "La corrida" con il mitico Corrado.
    Vale?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La facciamo valere, sperando suonino le campane e non abbàino i cani :p

      Moz-

      Elimina
  13. I Varietà di vent'anni fa senza dubbio ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I migliori: ottimi traghettatori dalla paleotelevisione alla tv moderna.

      Moz-

      Elimina
  14. Io amavo Fantastico,ho seguito tutte le edizioni. Ma ricordo anche il bellissimo Al Paradise con Oreste Lionello, Milva ed Heather Parisi...
    Programmi che riunivano tutti, ma proprio tutti davanti alla TV :)
    Ho visto Nemicamatissima e ne ho apprezzato molti aspetti, però in certi punti mi è parso un pò slegato...non so dirti bene. Però va da sè che l'esaltazione nel cantare e ballonzolare le vecchie mitiche sigle delle due showgirls c'è stata eccome ;) :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Al Paradise"!!! Mitico! Furono le prime apparizioni televisive della Zavorra, gruppo di attori teatrali molto bravi, che poi hanno fatto carriere soliste, chi più chi meno famosi.

      Elimina
    2. Al Paradise non lo ricordo... forse troppo piccolo.
      Su Nemicamatissima dico la mia: era uno specialone, spero di vederne puntate seriali tra qualche tempo^^

      Moz-

      Elimina
    3. Pure io ne ho un ricordo molto vago, forse è stato l'ultimo varietà "vecchia maniera"... Infatti, se non mi sto confondendo, in una edizione c'erano Don Lurio e le Kessler al posto di Milva. Per lo meno, ricordo Heather Parisi che faceva degli sketch con le celebri gemelle a tema di danza...

      Elimina
  15. Ciao il varietà televisivo non mi attrae,ma un tempo guardavo volentieri il mitico Drive in,attratto,forse,dalle prime nudità televisive.
    Ciao,fulvio

    RispondiElimina
  16. Credo di non aver mai avuto un varietà in particolare... Ma se devo scegliere qualcuno passato, dico "Premiata Teleditta".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so, mi stavano anche antipatici a volte, lo sai?^^

      Moz-

      Elimina