[SERIE TV] Twin Peaks 2017, recensione episodio 13


Parte 13 di Twin Peaks - Il Ritorno.
E si ritorna. Perché qui abbiamo risposte e abbiamo domande, in questo percorso dove appare sempre più evidente il voluto lato "ludico" creato per stimolare, divertire, omaggiare.
Buttiamoci senza rete, come sempre, nel receriassunto di questo nuovo episodio.

LUCKY SEVEN FOLIES

Scene che richiamano i celebri siparietti del passato messi su dai fratelli Horne: balletti, signorine, ostentazione.
I Mitchum sono grati a Dougie e Bushnell, così li riempiono di regali. Sonny Jim ottiene un piccolo parco giochi con tanto di arco dorato e luci. L'arcobaleno di Oz?

OVER THE TOP

Trasferiamoci in Montana, zona occidentale.
Bad Coop raggiunge il traditore Ray nel luogo che i due sapevano. Ray è con la cricca di Renzo, un mastrolindo boss di qualcosa, pieno di sgherri tarantiniani guidati dal sosia di Ching Cong di Mery per sempre.
Bad Coop vuole Ray, dopo che questi gli sparò (cfr. parte 8). Ma nella gang di Renzo ci sono le regole di Renzo: chi batte il capo a braccio di ferro diventa capo e farà il cazzo che gli pare.
E così Bad Coop ci mette poco a umiliare Renzo, vincere il braccio di ferro e ottenere Ray.


Che rivela un paio di cosette interessanti: è stato Philip Jeffries a ordinargli di uccidere Bad Coop, perché dentro Bad Coop c'è qualcosa che "loro" vogliono (forse BOB?).
Ray afferma di non conoscere Briggs, e dalla tasca tira fuori l'Anello Verde spiegando che avrebbe dovuto infilarlo a Bad Coop dopo averlo ucciso: gli è stato dato dalla guardia carceraria prima dell'evasione.
Bad Cooper lo fa indossare a Ray stesso, mentre vediamo Richard Horne come membro della gang di Renzo. Ray fornisce a Cooper le coordinate tanto bramate e quando dice di non sapere dove sia Jeffries (visto a The Dutchsman's per l'ultima volta, un posto che pare essere metaforico) viene ucciso. L'anello sparisce dalla sua mano, il corpo di Ray arriva nella Loggia, così come lo stesso Anello.


FUSCO, SINCLAIR, TODD

Mentre i Fusco -in una scena lynchiana 100%- ricevono il referto sulle impronte di Dougie (e lo cestinano credendo ci sia un grosso errore: come fanno quelle impronte ad appartenere a un ex agente F.B.I. evaso dalla prigione federale due giorni prima?), vediamo Sinclair cercare di riparare al danno: lui avrebbe dovuto far fuori Dougie, e ora Todd pretende che ciò sia fatto.
Così per 5000 dollari acquista aconitina da due sbirri corrotti: l'idea è avvelenare Dougie.
E tanto prova a fare, salvo poi pentirsi e rinunciare.
Mentre i due Hutches (Hutch e Chantal) si trovano in Utah a parlare di quanto e come scopano i mormoni, Sinclair confessa a Bushnell tutte le sue malefatte. Ora però dovrà testimoniare contro Todd.


DOUBLE, TRIPLE, QUADRUPLE R DINER

Shelly parla con la figlia: sono due giorni che Steven non rientra a casa, e sappiamo che è fra le braccia della rossa sorellina di Donna Hayward.
Passa del tempo (e qui il concetto tempo -vedremo tra poco- si fa interessante) e ritroviamo Bobby a cena al RR. Rivediamo anche il buon Big Ed, seduto con la sua Norma.
Ma forse Norma rischia di non essere solo più sua, se il piacione gilfomane Walter -un businessman del tutto twinpeaksiano, come personaggio- insidia la splendida donna.
Veniamo a sapere che il RR Diner non è più solo un ristorantino di Twin Peaks, ma un vero e proprio franchise basato sulla figura di nonna Norma e le sue cherry pie.
Insomma, anche se adesso per affari forse Norma dovrà rinunciare alla qualità, vediamo che ne ha fatta di strada rispetto al passato, quando avrebbe dovuto cogliere funghi porcini freschi per ottenere recensioni positive sul tripadvisor di mammà Vivian.
Dicevamo, il tempo. Bobby dice che OGGI ha ritrovato qualcosa lasciatagli da suo padre (quindi siamo ancora al giorno in cui lui, Hawk e Truman si recano da Betty). Dove si collocano dunque le scene di delirio collettivo stradale già viste? Appena dopo questa sequenza? Sempre più puzzle.


SOLO TU (BIG) ED IO

Parlando di deliri, ecco che finalmente i pentastellati Nadine e Jacoby si incontrano dal vivo.
E si parla di patate e supermercati.
No, ma il bello deve ancora venire: casa Palmer. Sarah guarda ripetutamente la stessa scena in tv, una breve sequenza tratta da un vecchio incontro di pugilato. Strani rumori di interferenze, mentre lei beve come una turca.
Il delirio continua quando ritroviamo Audrey ancora in apprensione per Billy. Suo marito Charlie le indica dove trovarlo (alla roadhouse) ma lei pare davvero essere spaesata (dice di sentirsi un'altra persona in un altro posto, ed è come essere a Ghostwood). Cosa nasconde la trama di Audrey?


E poi?
Signore e signori, oggi alla roadhouse -dopo artisti del calibro degli Nine Inch Nails e i Chromatics- c'è nientepopodimenoché... James Hurley!
E cosa ci canta? Just you. Perdipiù con la stessa vocetta di quando la cantò assieme a Maddy e Donna nel 1989.
A questo punto il delirio è completo, perché qualunque fan ha sempre visto quella sequenza come qualcosa "oh my god". E Lynch&Frost ci fanno riascoltare proprio quella canzoncina lì, tra le nostre inevitabili risatine, i pianti di una bella donzella colpita dal fascino del motociclista e questo ritorno al passato.
Con Big Ed che dalla sua stazione di servizio osserva passare le auto, anche questa puntata giunge al termine. Just you.

61 commenti:

  1. Il delirio senza freni. Praticamente un Nolan dei poveri. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non facciamo confronti improbabili, Nolan non centra niente con Lynch.

      Elimina
    2. Franco: secondo me Nolan vorrebbe essere come Lynch, altroché :D
      Arwen: vero :)

      Moz-

      Elimina
    3. Che non c'entri nulla è assodato. Bastava un Inception senza spiegare niente alla fine, ed eccovi servito un Lynch di classe. ;)

      Elimina
    4. E' buffo paragonare opere di Lynch a Nolan (che amo)... soprattutto nell'accostare uno stile di un regista che quando ha iniziato ad essere David Lynch, Christopher Nolan ancora non imparava a leggere. Come se si dicesse: guarda quel nonno... è tutto il nipote. ;) Due mondi completamente differenti, antipodici l'uno con l'altro. Poi che Lynch sia per esegeti ed iniziati posso anche essere d'accordo, e questo Twin Peaks (a differenza dei primi due), sancisce il tutto. Non è una prelibatezza che tutti possono degustare appieno e che tutti apprezzano, ma è curioso come molti, pur non riuscendo a far calare il boccone, ci si accostino e se ne cibino nonostante tutto e già questo basterebbe.

      Elimina
    5. Nolan è un grande, ma con Lynch siamo su un altro livello, lontano da tutto e tutti. E questo secondo me vale soprattutto per Twin Peaks, che è sempre più un'opera-gioco, metacinetelevisiva, un puzzle interattivo e multimediale, con letture su più livelli...^^

      Moz-

      Elimina
  2. Comunque Franco non ha tutti i torti :D. Il vecchio Twin Peaks aveva le sottotrame, ma esse erano molto più semplici della trama principale. Con il rischio di essere di contorno (e criticate dal pubblico).

    Qui invece c'è un ingarbugliamento ragionato, sarà difficile arrivare a vedere tutti i tasselli del puzzle.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, qui è come dissero: non siamo tornati per compiacervi.
      Secondo me avremo il quadro completo solo alla fine, sarà qualcosa da vedere e rivedere, studiare e ristudiare, più della serie precedente.
      Stanno uscendo dei dettagli nuovi riguardanti questo episodio (numeri, riflessi ecc) che a una prima visione manco noti...

      Moz-

      Elimina
    2. ..pure Mozzino se lo deve rivede' due tre volte...

      Elimina
    3. Ma pure dieci! La vecchia serie l'ho consumata, c'è così tanta roba che una visione non può bastare... Il bello è questo^^

      Moz-

      Elimina
  3. Una puntata che mi è piaciuta particolarmente... l'ho sentita proprio nel petto e il braccio di ferro tra Bad Coop e Mastrolindo non me lo potevo immaginare meglio di così! Quando è stata proposta la sfida, mi son impostato più come un tifoso che come un fan telespettatore... fighissimo. La puntata più cazzuta finora, senza tradire i canoni lynchiani ovviamente.

    La madonna che ho sparato quando Fusco ha cestinato i risultati delle impronte, ancora riecheggia in camera mia... ecco che Lynch ci dice: "speravate che lo stessimo per risvegliare eh??? E invece no! Crepate fino alla fine... mi avete fatto risolvere il caso Laura Palmer anzitempo 25 anni fa, e mo Cooper lo sveglio quando cazzarola pare a me!" ed io lo odio di bene... -.-

    L'anello torna e non poteva essere altrimenti... quest'oggetto magico/dannato non fa che percorrere il mondo degli uomini e il mondo degli spiriti, tra una morte e l'altra. Ora Ray è nella loggia... chissà se lo rivedremo muoversi lì dentro?

    Il tempo: è come immaginavamo... il tempo scorre fin dalla prima parte in modo strano e cronosismico e ora ne abbiamo le prove: è possibile che son 4 episodi che ci troviamo dentro le stesse 24 ore? No... non può essere, perché si è fatto giorno, si è fatta notte e si è fatto nuovamente giorno... quindi c'è qualcosa che non va, come direbbe Mike nella loggia. Non stiamo vedendo le cose in ordine cronologico... proprio no. Perché? Non lo so... ma penso che a Twin Peaks siano avvenute delle mutazioni nel campo fisico visto ciò che sta per accadere. O è un bordello di casino effettuato in sala montaggio (forse come la scomparsa delle ragazze in rosa dalla parete negli uffici del casinò) oppure qui ci stiamo dirigendo verso qualcosa di assai e assai bizzarro ed unico. Se qualcuno ci ha capito di più, questo è il momento giusto per commentare. :p

    Audrey... cos'ha Audrey? Sembra avere una crisi di identità, quella che Dougie/Cooper non riesce a percepire, mentre Audrey si trova borderline ed è come se sentisse un'interferenza tra due "lei". Mmmm... ci stiamo dirigendo verso sentieri ignoti all'uomo e ripeto: qualcosa non va.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La questione del tempo è davvero particolare: solo scelte di narrazione (come, ad esempio, fa Tarantino) o qualcosa di più?
      Ciò che è certo, è che a TP città sta succedendo qualcosa di assurdo, secondo me i doppi di ognuno stanno per prendere il controllo.

      Moz-

      Elimina
    2. Ci ho pensato anche io alla questione dei doppi... sarà come un calzino che verrà rovesciato con ciascuno dei personaggi o forse con i più importanti. Immagina un'invasione di doppelganger. :p

      Elimina
    3. Visto che nella Loggia muoiono di fame per via di BOB che sono 25 anni che non riporta garmonbozia... direi che ci sarà la rivoluzione XD

      Moz-

      Elimina
    4. Sono certo che Lynch(o il suo doppio :)) si sta nutrendo delle nostre "attese" del nostro "voler sapere" del "finale" che aspettiamo e che forse lui non ci darà o darà alla sua maniera.

      Elimina
    5. Credo che sia l'unica cosa di cui son certo. :p

      Elimina
    6. Santi, verissimo: ce lo darà a modo suo, e sarà qualcosa che ci farà discutere per sempre^^

      Moz-

      Elimina
  4. "Questo è il futuro o e il passato". Con questa puntata credo che possiamo dire definitivamente addio a finali scontati o risvegli improvvisi. Quel "ci rivedremo fra 25 anni" di Laura detto a Dale cambia significato. E se questo per assurdo fosse il passato? In casa Palmer il tempo non sta passando, azioni ripetute e continue. La scena delle voci che si ripetono dalla tv sembrano avere la stessa ripetitività del Woodsman che dice in continuazione "Questa è l'acqua e questo è il pozzo". Anche i 7 anni che sembrano essere passati dall'ultima volta che Jacoby ha visto Nadine(sembra che jacoby parli in codice nelle sue apparizioni web. Un altro codice dopo quello di Gordon?) al "supermercato" sembrano fuori dal tempo. Poi Jacoby che dice "Siamo noi contro di loro" e Nadine che risponde "Sono il suo piu fedele soldato" è tutto dire. Inizio a pensare che i doppi si contendano la presenza di Bob dentro di loro. Philip Jeffries che vuole morto bad cooper potrebbe essere bad Philip. Quando bad cooper uccise Darya fece una telefonata con un certo Philip e gli chiese se avesse visto Briggs. Bad Cooper gli chiese "Tu chi sei ?" lui rispose "Domani Bob sarà con me. Indipendentemente se quello fosse buono o cattivo sento odore di trappolone per Bad cooper. Non so se sono gli originali o i doppi(A questo punto chiunque può essere nella loggia e avere un replicante) ma la trappola a bad cooper la stanno facendo Philip Jeffries e Diane(La Rosa Blu per intenderci).Anche Audrey sembra essere in una bolla senza spazio e senza tempo. Il tempo, i sogni, la realtà. Twin Peaks sembra essere un luogo senza tempo dove sogni e la realta' si confondono, dove essere umani e entità abitano. Twin Peaks è il più grande portale spazio/tempo che conosciamo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aspettavo il tuo commento! Lo hai ben detto ed ormai è acclarato: non stiamo vedendo un'opera/film che segue un logico andamento cronologico... questa è una sorta di "Memento" lynchiano, che non avvolge in questo caso un solo personaggio, bensì una cittadina intera. E' il passato o è il futuro? Di certo è il presente, perché i personaggi sono invecchiati... ma se il tempo agisse sugli eventi a prescindere dal deterioramento del corpo? Ok, non era possibile imbalsamare gli attori, ma gli eventi li possiamo bloccare, alterare e rovesciare. Ma soprattutto: quello che accade ha a che fare con il sensorio soggettivo di ciascun personaggio o le cose a Twin Peaks accadono oggettivamente come le vediamo? Se Sarah Palmer l'abbiamo vista bloccata in una sorta di loop temporale e con un'anima di certo non sua, se Hawk ha visitato il cerchio di sicomori tenendoselo per lui e rimanendo stupito nel leggere le pagine di Laura dove leggeva che Cooper comunque era uscito dalla loggia (allora perché andare a Glastonbury Grove prima che trovasse le pagine?), e Bobby che si ritrova alla RR dicendo che nella stessa giornata (ep 13) hanno trovato qualcosa che a che fare con suo padre (avvenuto per noi nell'ep.9), poi abbiamo una Audrey smarrita e decisamente fuori di sé (in tutti i sensi), Bobby che incontra quella donna che si è attaccata al clacson con la bambina posseduta (ma allora quando è accaduto?)... allora ci chiediamo: che cavolo sta succedendo? Oh, quando avremmo avuto bisogno del Maggiore Briggs in questo momento... eppure dovremmo farcela da soli, perché nemmeno l'Agente Cooper può aiutarci questa volta. Sì, siamo a Twin Peaks e siamo da soli, mai come ora.

      Elimina
    2. Vero, verissimo.
      Sono convinto anche io che tutto sia un codice metatestuale, per dirci cosa... boh, chissà.
      Gordon, Jacoby, qui si è fusa realtà, finzione, sogno, cinema, tv, e soap metatelevisiva. Invito all'amore è adesso Twin Peaks stesso, non stiamo più seguendo una trama (il tempo non scorre normalmente) ma stiamo vedendo dei quadri con storie a livelli molto più profondi...

      Moz-

      Elimina
  5. Mi trovi d'accordissimo su tutto. La cronologia del tempo è completamente saltata. Personaggi che sanno o hanno visto delle cose sembrano non sapere o non aver ancora visto. Questo presente sembra un passato. In ogni momento non sappiamo più cosa è reale, cosa è presente, cosa è vero o cosa è doppio. Quell' esplosione nucleare ha aperto un portale spazio tempo o un portale di universi paralleli. Da li in poi la percezione del tempo dello spazio è cambiata. La madre sembra vomitare le uova subito dopo l'esplosione (1945). Il primo sembra schiudersi nel (1956). 11 anni dopo ? I 25 anni di Laura? I 7 di Jacoby ? Ci siamo soffermati sul fuoco, sulla luce, sull'elettricità, sugli animali, su chi è umano e chi è doppio ma la variante è il tempo. Quello farà la differenza. Il corpo di briggs ha 50 anni ma dovrebbe averne più 70. Dopo la famosa frase "I gufi non sono quello che sembrano" direi "Il tempo non è quello che sembra"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bel casino Lynch, grazie! <3 Santi, tornando a noi: il tempo davvero non è quello che sembra e questo Twin Peaks è un grande puzzle da ricostruire, ma solo alla fine avremo tutti i pezzi per poterlo fare, ora è impossibile, ma tra meno di un mese tutto sarà finito o tutto avrà inizio per cercare di dare un senso alle cose. Tu hai ragione che dal 1945 tutto è cambiato, ma a Twin Peaks dev'essere successo dopo (nonostante il libro di Mark Frost che ci dice che a Twin Peaks c'erano entità già dal diciottesimo secolo), perché nelle prime due stagioni, al di fuori delle scene della loggia, le cose succedevano comunque in senso cronologico (FWWM a parte). Abbiamo saputo che nel 1997 è saltato fuori Dougie, quindi certe meccaniche quantistiche sono state modificate molto dopo l'omicidio di Laura.

      Questione Briggs: se Briggs padre è morto nel 1989 come ci dice Bobby, Briggs potrebbe avere la stessa età di quando è morto perché si è presentato nella Zona esclusivamente come forma di spirito, ma se poi ne abbiamo ritrovato il corpo solo ora, vuol dire che i congiunti nel 1989 non hanno potuto seppellire alcunché del maggiore, in quanto morto arso nell'incendio... ma se abbiamo il corpo, vuol dire che lui è stato vivo fino ad ora, prima che venisse decapitato (dalla madre?)... forse è stato nella loggia bianca? E se anche così fosse stato, perché per lui non sarebbero passati 25 anni e per il nostro Cooper sì? Comincio a smarrirmi... -.-

      Elimina
    2. La stessa data non coincide.
      dal 1989 (confermata nel libro di Frost) se passano 25 anni dovremmo essere nel 2014. Eppure tutto fa supporre che siamo nel 2015 (il blog di Hastings e un monitor in rianimazione per Miriam).
      Però poi il libro di Frost data tutto tra luglio e agosto 2016.

      Moz-

      Elimina
    3. Poi ci sarebbe da capire cosa significa "ibernazione". Hasting disse che Briggs era in uno stato di ibernazione, forse per questo il corpo si è preservato e chiaramente non era morto nell'incendio. Poi c'è la questione "Zona. A questo punto sembra che il maggiore sia entrato nei "convenience store" oggi abitati dai "woodsman". Gordon stava per essere risucchiato e sulle scale i woodsman lo aspettavano. La loggia con le tende rosse sembra sia apparsa a quel battito di mani di Bob e all'inizio lo stesso Bob e il nano entrarono e ridevano compiaciuti. Il compito dei woodsman sembra essere quello di difendere le uova della madre sparse nei vari corpi e nei vari doppi e a suo tempo annunciare l'arrivo di una nuova specie sul pianeta terra, una specie che si nutre della paura degli uomini e si confonde con loro. I linguaggi in codice sono un modo di comunicare degli umani circondati dagli alieni che a Twin Peaks hanno alterato anche la percezione del tempo.

      Elimina
    4. Analisi interessante. Ma possiamo considerare Twin Peaks il fulcro di tutto? E' lì che alla fine si scatenano i paradossi dello spazio/tempo, ed è lì che siamo diretti. Se qualcosa può essere cambiato, modificato o riordinato, quel qualcosa è a Twin Peaks.

      Elimina
    5. Si, Twin Peaks è il fulcro di tutto. Laura Palmer è stata mandata a Twin Peaks dal gigante( o chi per lui se non lo fosse) per contrastare il figlio prediletto della "madre", Bob. Bob, il capo indiscusso della loggia. Twin Peaks, il luogo dove gli antichi già "sognavano" l'arrivo di qualcuno o di qualcosa. La grotta del gufo, quella mappa antica. Loro già sapevano che qualcosa sarebbe arrivato. Twin Peaks è il centro dell'universo e i suoi abitanti si stanno preparando alla battaglia. "Siamo noi contro di loro" dice Jacoby a Nadine. Ci sarà battaglia!

      Elimina
    6. Anche queste follie nelle identità dei personaggi: Dougie/Coop per primo, poi Sarah, Jerry, Audrey, Jacoby e Nadine... che cavolo sta succedendo??? Perché tutti hanno perso se stessi?

      Elimina
    7. Se il Gigante si chiama in realtà il Pompiere (come si intuisce dal cd) allora è colui che deve spegnere il FUOCO NERO che cita Hawk.

      Moz-

      Elimina
    8. Quale CD? O.o

      Elimina
    9. Il fuoco nero. L'incrocio fra il granturco bruciato e il fuoco. Questo fuoco che continua a camminare fra questo mondo e l'altro. Questo granturco pasto di quelli di un altro posto e simbolo del nutrimento del male attraverso le paure degli uomini. Il male nella loggia si nutre delle vittime che portano l'anello verde. Una "madre" ha trovato un varco nell'esplosione di un fuoco e ha vomitato il male. Già nell'ufficio di Gordon c'erano i quadri che rappresentano il fuoco nero: l'esplosione nucleare e la pannocchia. Ma il fuoco può essere anche simbolo di luce (sotto il volto di Laura c'era luce intensa) come disse Hawk e nella stessa esplosione nucleare troviamo una particella di fuoco con dentro un posto indefinito (La loggia bianca?) Un gigante/pompiere partorisce una luce da donare al mondo per spegnere quel fuoco nero che lo stesso uomo ha creato: Laura Palmer è la luce che dovrà sovrastare le tenebre, è l'acqua che il pompiere usa per spegnere il fuoco nero. Il buon Dale dovrà trovare (non importa in quale tempo e quale spazio) Laura. Dale è stato mandato dopo 25 anni sulla terra, per ritrovare Laura e la "madre" lo sa e insieme al figlio prediletto Bob sta cercando di ucciderlo in tutti i modi. Questi miei sono "deliri" da finale. Ma Linch vuole questo da tutti noi.

      Elimina
    10. Denny: il cd con la nuova colonna sonora, la traccia associata al gigante si chiama Fireman :)
      Santi: vero, vogliono farci delirare e ragionare, e secondo me ci abbiam preso abbastanza.
      Io continuo a pensare che la Loggia sarà sigillata da un'atomica :)

      Moz-

      Elimina
    11. Per assurdo potrebbe essere cosi. la stessa arma che ha creato un male, aperto un passaggio, potrebbe distruggere lo stesso o chiudere per sempre quella "porta" fra questo mondo e l'altro.

      Elimina
    12. Io ne sono sempre stato convinto, dopotutto ogni nome coincide con l'atomica, a partire da Harry S. Truman.
      Penso sarà il nostro ex sceriffo a dare l'ok per la bomba a Glastonbury Grove, come il suo omonimo diede l'ok per la stessa bambina su Hiroshima e Nagasaki.

      Moz-

      Elimina
    13. Teorie che mi gasano e non poco... e allora vi chiedo: quando il male sarà sconfitto, che ne sarà di Twin Peaks?

      Elimina
    14. Tornerà a essere la soap che vedemmo nel 1990/91, per il resto del mondo. Al post di Invito all'amore, ci sarà Twin Peaks :)

      Moz-

      Elimina
    15. Potrebbe essere così ma continuo a pensare che dopo l'esplosione e la chiusura delle "porte" un immagine, un suono, un numero, ci farà venire il dubbio che qualcuno o qualcosa sia rimasto in questo mondo.

      Elimina
    16. E chissà non sia un immagine riflessa in uno specchio a farci capire che qualcosa è rimasto.

      Elimina
    17. Io vorrei rimanere col dubbio su quale dei due Cooper sia sopravvissuto allo scontro finale.
      Così tutti quanti impareremmo, da TP, a guardarci bene negli occhi, perché ognuno potrà essere un doppelganger cattivo. O forse, un clone. Per rimanere su questo blog :)

      Moz-

      Elimina
    18. Denny,Moz. Ho appena rivisto la scena finale della seconda serie. Bad Cooper da una testata allo specchio e l'immagine riflette Bob. Ho fantasticato una scena finale di questa terza serie. L'esplosione lascia solo bad cooper. Lui compiaciuto si riflette in uno specchio ma non vede Bob ma il buon Dale con il distintivo dell'F.B.I. da una parte e una rosa blu dall'altra.....:)

      Elimina
    19. Woow! E' un tripudio di sogni questa sezione commenti e mi piace un bel po'! :D Che dire, ragazzi? Stanno per accadere cose che noi non possiamo nemmeno immaginare. :)

      Elimina
    20. Non è da escludere un finale dove lo specchio, tipo Alice, mostri la realtà delle cose^^

      Moz-

      Elimina
  6. Mi ci butto anche io, ho amato davvero molto Twin peaks, apprezzo Lynch e la sua pazzia creativa ma...Sta veramente strapanando i maroni. Mancano 5 puntate e sembra di aver assistito alle seconda o terza. Secondo me sta tirando un pò troppo la corda della tensione/attesa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo è Lynch, Lynch senza censure e costrizioni da parte di una rete televisiva che non fa altro che accarezzare la groppa al pubblico per un buon indice di share. Qui siamo di fronte ad un artista che aveva bisogno di un campo tutto per sé per potersi esprimere (cosa che non ebbe nel '90) e dall'altra parte abbiamo Showtime (chapeau) che ha permesso tutto questo. Non solo tira la corda, ma la annoda, ne cambia tessuto e colore, la rigira e la distrugge per poi ricrearla ex novo... Twin Peaks è la sua creature e la vuole raccontare come meglio crede. Pensa se Tolkien avesse avuto pressioni su come sarebbe dovuto essere il terzo volume de Il Signore degli Anelli... gli artisti devono poter raccontare ciò che vogliono e come vogliono, ed è quello che sta accadendo per Lynch con Twin Peaks.

      Elimina
    2. Ciao Sileo e benvenuto a bordo!
      Io pur non condividendo il tuo punto di vista, comprendo benissimo la frustrazione, che deriva probabilmente da molti fattori.
      Io stesso non sono ancora riuscito ad entrare, al 100%, nel mood di questo nuovo Twin Peaks. E' uno di quei casi dove capiremo completamente solo fra qualche tempo il tutto :)

      Moz-

      Elimina
  7. Ho completa fiducia in Lynch. Non l'ho mai voluto difendere a tutti i costi, e non gli perdono tuttora "Lost highway" o parte di "Mulholland Drive", ma qui espone una padronanza del suo materiale superiore a qualsiasi perplessità o sospirato consiglio di miglioramento che lo spettatore 'avveduto' o 'ragionevole' bramerebbe di sottoporgli. Nessuna scena è ininfluente, niente va perso o incorre nei terrori contabili della 'gratuità'. E' una festa grandiosa, una gesamtkunstwerk, un'affermazione enciclopedica, piranesiana. Una sicurezza rispetto a ciò che vuole raccontare e mostrare che ha quasi del sovrumano, e che tocca tutte le corde dell'arte narrativa e antinarrativa insieme.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Paolo e benvenuto a bordo!
      Sì, anche io ho completa fiducia in Lynch (e Frost, sempre sottovalutato ma secondo me gran parte di TP è merito suo, altroché).
      E' un TP nuovo, un nuovo modello cinetelevisivo, qualcosa che spiazza perché diverso da qualunque serie tv (tecnicamente e non). Può frustrare, dopotutto è spesso anticlimatico (o antinarrativo, come dici tu). Ma è assoluto.

      Moz-

      Elimina
  8. Continuo imperterrito a riflettere su tutta una sequela di elementi per provare a dare anzitutto una direzione agli eventi, prima ancora di potervi trovare un senso. Risultati? Prossimi allo zero, naturalmente. A questo punto, mi sono detto, godiamoci semplicemente il viaggio, continuiamo a provare a cogliere elementi e dare letture alle stranezze durante gli episodi, ma senza la foga di voler unire necessariamente i punti (alla fine, a quanto ho letto, Lynch e MacLachlan promettono che tutto avrà senso).
    Nelle mie svariate congetture, però, mi piacerebbe discutere di una cosa, e sentire i vostri pareri in merito.
    Come vedreste la senza dubbio assurda possibilità che Audrey rappresenti in qualche modo "la coscienza dormiente" di Dale Cooper? Non descrive forse sensazioni che dovrebbero inconsciamente affliggere proprio uno nelle condizioni di Cooper/Dougie?
    Ne parla con un nano, tra l'altro, che potrebbe rappresentare in qualche modo assurdo il Braccio.
    Non c'è alcuna logica in questo, ovviamente. Nient'altro che divagazioni della mente..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qualcuno addirittura ha ipotizzato che il marito di Audrey fosse uno psichiatra che sta cercando di risvegliarla... a me è piaciuta come teoria, ma non credo che Lynch andrà a parare in quel senso. A differenza di Audrey, Dougie/Cooper (è già straordinario che anche noi oramai lo chiamiamo Dougie pur essendo Dale Cooper) vive proprio una sorta di coma vigile o di minima coscienza, dove il soggetto non si interroga ma reagisce solo a degli stimoli. La coscienza di Dougie è lontana (tu sei molto lontano dice il Gigante a Coop nella Loggia Bianca), e solo quando quella coscienza si rimetterà in moto noi ritroveremo il nostro Cooper, ma solo il Gigante a questo punto potrà risvegliarlo.

      Elimina
    2. Ciao Anonimo e benvenuto!
      Che dire? Penso che TP sia ricco di parallelismi, quindi ci può stare tranquillamente la questione di Audrey (che comunque, appunto, non appare come personaggio "normale", si vede che è sfasata nel tempo e nello spazio ed è pure volgare -mi fa pensare alla Dern di INLAND EMPIRE)

      Moz-

      Elimina
  9. "Posizione di partenza..." Non avrei mai pensato di arrivare a fare il tifo per Bad Cooper in qualche scena! A questo punto a quando un triello con Kenshiro e Chuck Norris? :D

    Oramai è chiaro, palese, insindacabile, che i fatti si stanno svolgendo un po' in avanti, un po' all'indietro, proprio come si muovevano i woodsman appena arrivati sulla Terra!
    E non solo nella cittadina di Twin Peaks, dato che Dougie, che ha trascorso la notte fuori casa, lo si è visto giocare col figlio (ep. 12) mentre sistemava la questione coi Mitchum (ep. 11)!
    Questo spiegherebbe (consentitemi l'abuso del termine) come mai il corpo di Briggs non appare invecchiato come dovrebbe.
    Non so se mi sta piacendo questa piega presa dalla storia...

    Non mi è è per niente piaciuto il pentimento di Sinclair: semplicemente non ha senso che si tiri indietro solo perché Dougie gli toglie la forfora dalla giacca! Comunque il cerchio attorno a Todd pare si stia chiudendo...

    La scena di Audrey e Charlie direi che conferma in pieno le mie ipotesi espresse commentando l'episodio precedente.

    Tristissimo vedere la solitudine di Big Ed nel finale. Un bel personaggio che meritava maggiore considerazione nel corso delle stagioni, invece ha sempre fatto il gregario nonostante McGill sia uno degli attori più apprezzati da Lynch stesso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io credo che la questione di Sinclair sia un po' più complessa: Dougie ha come un magnetismo -vedi la signora alle slot- che in qualche modo attira a sé. E' come un bambino puro, quindi Sinclair è rimasto colpito da ciò e si è pentito.

      Quanto al tempo e al racconto: vero, non scorre regolarmente, chissà se qualcuno monterà le scene in modo filologico, prima o poi XD

      Moz-

      Elimina
    2. Una cosa è certa. La scena dove vediamo Bobby e Shelly assieme al "RR" si svolge prima dell'arrivo di Cooper da Ray per la resa dei conti... Data la situazione non mi stupirei di rivedere Ray a pomiciare con Shelly in futuro... :o

      Elimina
    3. Oddio, non credo nemmeno si conoscano Ray e Shelly... E poi lei ha già altri cazzi per la testa (e chissà dove ancora XD)

      Moz-

      Elimina
  10. La faccio molto breve e spicciola: e se lo scopo di BOB (che mi pare essere ancora dentro Bad Cooper) fosse quello di AZZERARE qualunque cosa divida i due mondi, così che la realtà delle Logge possa "invadere" e magari sopraffare (facendo sprofondare nel caos) la realtà materiale?

    Nell'ultimo episodio abbiamo alcuni cenni di come il tempo cominci a non scorrere più in maniera regolare a Twin Peaks.

    Nel caso in cui fosse così, comunque, mi pare abbastanza evidente che questo sia un proposito solo ed esclusivamente di BOB (e magari di sua madre?), mentre tutti gli altri spiriti (Gigante, Mike, Il Braccio..) stiano in qualche modo aiutando Coop/Dougie affinché fermi BOB. Laura è la chiave, ovviamente.

    Insomma, tutto ciò non sarebbe altro che una rappresentazione puramente lynchiana della lotta eterna fra bene e male, che pur porta con sé elementi di mitologia etc. etc.

    Che ne pensate?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, Artemis, benvenuto a bordo! :)
      In sostanza sì: tutto è MITO, e questa è la rappresentazione lynchiana di archetipi antichissimi.
      Il caos che deve essere bloccato riportando l'ordine, l'odissea di un ritorno a casa ecc ecc.
      Ci siamo.
      Sì: BOB ha cagato fuori dal vaso stavolta, e nella Loggia lo rivogliono indietro (io ho una mia teoria: secondo me lo rivogliono indietro perché muoiono di fame senza di lui che procaccia il cibo).

      Moz-

      Elimina
    2. Infatti. E' evidente come BOB abbia sempre desiderato affrancarsi dalla Loggia, e vivere tra gli esseri umani possedendoli.
      Lo dimostra il fatto che abbia creato Dougie per evitare di essere riportato all'interno della Loggia.

      Io credo che qui entrino in gioco anche il Braccio, Mike e l'anello.

      Credo l'anello rappresenti il suggello di un patto (scena sopra il Convenience Store di FCCM) che sanciva come chiunque lo indossasse alla propria morte fosse destinato a diventare garmonbozia da spartire fra TUTTI loro, tutti gli spiriti della Loggia.
      Anche il fatto che Mike, nel momento in cui il Leland posseduto stava per colpire a morte Laura le abbia detto di indossare l'anello potrebbe esserne una traccia.

      BOB è forse stato sempre intenzionato a venir meno a questo patto, malgrado nella suddetta scena (FCCM) sembri divertito ed eccitato non appena il Braccio pronuncia la frase "Con questo anello io ti sposo."

      Elimina
    3. Però c'è anche da dire che col delitto Banks... BOB ha tenuto tutta per se la garmonbozia, tanto che MIKE accusa di questo Leland/BOB quando lo incontra all'incrocio.

      Moz-

      Elimina
    4. Qui è interessante capire perché Chet Desmond trova l'anello proprio dov'era la roulotte.

      E' interessante perché, se non erro, una volta che l'anima di chi indossava l'anello "torna" alla Loggia l'anello stesso ricompare sul piedostallo (che potrebbe essere o avere affinità col Tavolo di Formica).

      A questo punto sarebbe lecito pensare che, per qualche motivo, Teresa Banks non indossasse l'anello nel momento in cui è morta, e che quindi BOB abbia potuto tenersi per sé la garmonbozia.

      L'anello, per l'appunto, sarebbe comparso proprio là dove l'ha trovato Desmond. O messo lì appositamente.

      Elimina
    5. Vero, per quel che abbiamo visto in The Return, tutto fa supporre che Teresa non avesse l'anello al momento della morte: però allora mi chiedo... viene a mancare la teoria che se lo indossi muori e se non lo indossi ti posseggono.
      Teresa io la trovo similissima a Dougie (quello vero, anzi... "vero"), con tanto di braccio indolenzito.

      Moz-

      Elimina
    6. Personalmente non ho mai condiviso del tutto quella teoria. Secondo me SE possiedi l'anello alla tua morte diventi nutrimento per gli spiriti della Loggia. Che qualcuno lo indossi o meno, resta il fatto che muoia comunque, se ucciso appunto.

      La vedo semplicemente così: la presenza dell'anello, alla morte, stabilisce se gli spiriti (o solo alcuni di loro) possano "cibarsi di te".

      PS: trovo molto, molto stimolante confrontarmi con chi ne sa parecchio più di me, grazie MOZ!

      Elimina
    7. No, ma io non ne so parecchio più di te o altri, anzi!
      A me piace invece ascoltare tutte le vostre teorie, perché sicuramente ognuno di noi nota magari delle sfumature diverse!
      Pertanto grazie a te anche per questa cosa che dici sull'anello! ;)

      Moz-

      Elimina