[FILM] Il Re Leone, una retrospettiva


Il Re Leone è il 32° Classico Disney.
Uscito nelle sale nel 1994, si è subito distinto per qualità tecnica e innovazione, particolarità che erano già ampiamente pubblicizzate durante la lavorazione.
Il Re Leone è la summa dei Classici Disney. Ha tutto, come un cerchio perfetto: il Cerchio della Vita.
Questo post contiene spoiler per chi non conosce l'opera.


UNA STORIA SHAKESPEARIANA

Ed è proprio il Cerchio della Vita il senso compiuto de Il Re Leone. Una storia circolare che inizia e finisce nello stesso modo, con gli stessi colori, la stessa situazione, stessa musica e praticamente gli stessi personaggi. Che hanno semplicemente -figuratamente- preso il posto dei precedenti, a indicare appunto la ciclicità del tutto.

Africa, un anno qualsiasi, un momento qualsiasi. Savana.
Una storia shakespeariana: lotta per il trono, tradimenti, allontanamento, ritorno.
Le canzoni, nei film Disney, sono sempre state un elemento distintivo (tanto che il genere è quasi sempre ascrivibile al musical-drammatico), ma ne Il Re Leone le canzoni sono qualcosa di più.
Oltre a svolgere il ruolo commerciale (vendita di dischi e annessi: i brani sono cantati -nella versione originale- da Elton John), qui ogni traccia impreziosisce e manda avanti il racconto.


LA TRAMA

Il re Mufasa e la regina Sarabi festeggiano la nascita del loro cucciolo Simba, futuro sovrano.
Questo scombina i piani di Scar, fratello minore del Re, che con un inganno allontana Simba dal regno. Inizia un'epoca oscura per la savana, mentre Simba cresce acquistando sempre più consapevolezza fino a tornare nelle sue terre e reclamare il trono, scontrandosi con lo zio.
Una storia semplice, un cliché che ritroviamo in tantissime vicende della letteratura e della cinematografia.

La Disney cristallizza la storia grazie all'indovinata soluzione di rendere protagonisti degli animali (senza antropomorfizzarli e senza l'inserimento di figure umane).
Non si sa nemmeno come, Il Re Leone attira su di sé le accuse di plagio, perché in Giappone avevano Kimba il leone bianco (che però in terra nipponica si chiama Leo...): in realtà le due opere sono diversissime, ma questa è un'altra storia.

I PERSONAGGI

I personaggi sono animali a cui viene semplicemente dato il dono della parola.
Ognuno di loro è caratterizzato per quel che rappresenta visivamente, specie nell'immaginario collettivo.
I leoni ovviamente sono protagonisti: da Mufasa -monarca dallo sguardo fiero e dal portamento nobile e clintoniano- fino a Scar, tra i migliori cattivi Disney.
Scar è la perfetta contrapposizione di Mufasa (e di Simba adulto). Più snello, demoniaco, un po' queer, sicuramente oscuro. Sembra essere la versione leonina di Jafar (cfr. Aladdin), nella sua chioma nera e nei suoi lineamenti mediorientali.
Lo scontro ideale tra America e "nuovi infedeli anticapitalisti" è un'ipotesi che qualcuno ha provato a suggerire.

Tra i personaggi negativi si hanno anche le iene ridens. Antagonisti con un ruolo che spesso rasenta la commedia, rappresentano il popolo bue che si fa incantare da belle parole e belle promesse.
Sono i rivoltosi nelle periferie delle nostre metropoli, sono i poveri, forse i negroamericani di un Bronx ancora selvaggio e incazzato (Whoopi Goldberg doppia una delle iene).
Scar li sottomette, perché le iene sono idiote, prive di qualsivoglia volontà iniziale.
Scar si fa dittatore: canta Sarò Re, Be Prepared, ossia l'Estote Parati biblico. Siate pronti per il mondo che verrà. "Seguitemi, e non soffrirete più la fame!". Lo dice Scar, lo disse Stalin.
Le iene marciano in un mondo squadrato come l'arte futurista. Come fossimo nella Russia totalitarista, come fossimo nell'Italia mussoliniana.
E Scar, nuovo duce, finisce come il Duce: nel finale le iene si rivoltano anche contro di lui. Il popolo resta sempre popolo, pericolosamente.
Un riassunto di duecent'anni di Storia, dalla Rivoluzione Francese in poi.


RESPONSABILITÀ

Simba chiede al padre Mufasa come sia possibile che elefanti, gazzelle, giraffe e altri animali "innocui" possano convivere assieme ai carnivori. Cacciatori e prede.
La risposta è sempre nel Cerchio della Vita: il leone uccide la gazzella per mangiarla, e quando il leone muore, diventa concime per l'erba con cui le gazzelle si nutriranno.
Niente etica vegetariana, anzi.
Sarà un caso che Mufasa viene calpestato a morte da una mandria impazzita di gnu?

Simba cresce nell'irresponsabilità più totale. Subentrano i due personaggi più iconici dell'opera: Timon e Pumbaa, un suricate e un facocero che vivono alla giornata come hippie, seguendo le regole del "senza pensieri".
Il cucciolo si fa adulto, ha volutamente dimenticato il triste passato ma si sa, il passato non ti volta mai le spalle. L'amnesia è uno scudo, una barriera che il presente arriva a infrangere.

COMPIUTEZZA

È la resa dei conti: con ciò che accadde, con ciò che sta accadendo e con ciò che verrà.
Perché Simba è costretto a tornare responsabile, di colpo. Di fatto dovrà davvero mettere in pratica ciò che scherzosamente (e bambinescamente) cantava da piccolo: voglio diventar presto un re.
Ora è tempo di riprendere il posto all'interno del Cerchio della Vita, della società. Una società che accetterà anche due tipi assurdi come Timon e Pumbaa (solo perché amici di chi detiene il potere?).
Simba e Scar: lo scontro finale, nelle Terre del Branco simbolicamente divenute aride, tristi, buie.
Il fuoco è l'anticamera di un inferno che riporta la luce (lucifero) e monda il teatro delle vicende; l'agognata pioggia purificatrice riazzera ogni cosa.
Il Cerchio compie la sua rivoluzione completa.
Il giro è compiuto, il Leone è Re: viva il Leone.

72 commenti:

  1. Bellissimo. Bella la trama, le musiche, l' atmosfera, il simbolismo, insomma un film intramontabile.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero. Tutto è perfetto in questo film: per me è il... classico caso dove puoi dire "basta così, il capolavoro è compiuto!" :)

      Moz-

      Elimina
  2. Davvero bello, quando ancora la Disney non mascherava la sua capacità di traumatizzare i giovani, dopo la mamma di Bambi, papà Mufasa! ;-) Me lo sono rivisto un paio di anni fa, è ancora un film fighissimo invecchiato alla grande, bellissima questa tua retrospettiva ;-) Cheers!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, non si indugiava certo sulle scene più drammatiche: poi quella sequenza, con la musica mozartiana eseguita da Hans Zimmer, è qualcosa di clamoroso!^^
      Thanks!

      Moz-

      Elimina
  3. Non mi è mai piaciuto.
    Come ho scritto su Omniverso non sono amante degli animali parlanti, che ho apprezzato fino a Oliver & Company (visto al cinema con fuori persone mascherare dai personaggi, come a Disney World), preferisco quelli antropomorfi. Poi per me l'unico re della foresta resta Kimba il leone bianco!
    Non sono assolutamente tipo che va a vedere la profondità di un cartone animato, sono più per la sensazione a pelle.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il re Leone però è diverso: non inserisce nemmeno elementi "altri" negli animali: in Oliver & Company apparivano cappellini e bandane, per dire.
      Qui no, gli animali sono solo animali, senza essere antropomorfizzati (Robin Hood, Bianca e Bernie...) e senza la presenza di uomini (Bambi).
      Kimba un bel cartoon, ma Il Re Leone è un film grandioso.

      Moz-

      Elimina
    2. Oh e se 'un me piace, 'un me piace!😁
      A me già la scimmia che alza il neo leone mi fa cambiare canale ed è solo una delle prime.

      Comunque senza dubbio disegni, animazione e musiche, tutto favoloso!

      Bellissimo però il gioco per SNES!

      Elimina
    3. Il gioco non lo ricordo! 😮
      Cavolo, non ti piace sin dalla prima sequenza... Aaaah zwegnaaa😂😂😂

      Moz-

      Elimina
  4. Fu tra le opere più riuscite della Walt Disney

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Senza dubbio, al centro di quel "rinascimento" che inglobò La Sirenetta, La Bella e la Bestia e Aladdin. Dopo Il Re Leone, che di fatto è l'apice di tutto, già si scendeva.

      Moz-

      Elimina
  5. Ho sempre preferito Kimba. :-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aaargh! No, dai...
      Ma che poi non c'entrano davvero niente l'uno con l'altro: fu un'accusa ingiusta (come ho scritto, Kimba in Giappone si chiama Leo) perché i Giapponesi soffrono di complessi di inferiorità XD

      Moz-

      Elimina
  6. Vegana Nordcoreana11 ott 2017, 10:20:00

    voi occidentali e i vostri messaggi subliminali nei film!!!
    SEX!!!!
    Simba incita al sesso!!!
    Vergognatevi, sporchi capitalisti!!!111
    E non dire SFX perchè era SEX ok!!! Disney massone, viva i vegani nordcoreani!!!
    Questo film insegna a mangiare gli insetti ed educa allo specismo, dicendo che sanno di pollo!!!
    Quindi il pollo è buono?
    è buono sì, ma non da mangiare!!!!
    poi se ci penso tutto il cibo sa di pollo, anche se non c'è nemmeno il minimo milligrammo di pollo
    quindi sì
    voi sporchi capitalisti avete ragione.
    alla mia amica piace un sacco questo film, ma noi veganinordcoreani siamo contro le cose capitaliste, ok?
    Però siamo dei fan degli Aristogatti, ce li guardiamo da MerDonald e alla sagra vicentina di Pyongyang :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me non c'è nessun problema coi messaggi subliminali, né di tipo sessuale né di tipo satanico. Il mio blog ne è pieno (sin dal logo: guarda le tre o del Moz O'Clock, che in realtà sono tre 6)^^
      Sono un massone, sono un Illuminato, e Il Re Leone è il mio film d'animazione preferito.
      Vero, niente veganesimo!
      W anche gli Aristogatti :)

      Moz-

      Elimina
    2. Ami Walt Disney solo perché si dice fosse antisemita, ammettilo!
      Solo piazza Loreto per te!

      Elimina
    3. In una Hollywood dominata dalla lobby Giudea, zio Walt era un faro nel buio 😂

      Moz-

      Elimina
    4. Vegana Nordcoreana11 ott 2017, 15:03:00

      beh e io sono una vegana nordcoreana e mi piaci per questo :) io non sono massona nè illuminata, ma non importa, tu non sei vegano, quindi siamo pari ;)
      comunque Walt era anche omofobo, ma non come tutti pensano che odiava i gay. era omofobo perchè aveva paura dei gatti con gli occhi dello stesso colore, e amava mangiare i gatti eterocromatici, che avevano un sapore piu' speziato e deciso. quelli con gli occhi dello stesso colore li consegnava ai vicentini, altro che mangiar gatti perchè soffrivano la fame. non per niente su nonciclopedia c'è scritto che le ricette di zio Adolfo con i gatti sono molto popolari >:F
      a me i gatti omocromatici (si scrive cosi' ?) o eterocromatici non cambiano, hanno lo stesso sapore, solo che i primi a volte restano un po' in gola e ti fanno tossire per due o tre ore (ma poi saziano e ti passa, anche se rischi di sputare palle di pelo se non sono ben cotti), i secondi invece ti puliscono la gola e ti fanno sentire in forma per via del loro gusto speziato, ma c'è una controindicazione: starnutisci e hai gli occhi lucidi per tutto il giorno. In questo periodo autunnale noi veganinordcoreani preferiamo il consumo di gatti eterocromatici, specie se accompagnati da curry, curcuma e arance e messi in forno per ben 22 ore di fila.
      Provali anche tu :)

      Elimina
    5. Nooo, io mangio di tutto, anche vegano, ma non mangio i gatti. Li lascio ai vicentini come Cervello Bacato 😂

      Moz-

      Elimina
    6. Vegana Nordcoreana11 ott 2017, 15:38:00

      seitan senza gatto?
      io so come fare il cervello bacato di gatto. prendi un gatto, lo metti nel sacco, gli estrai il cervello sul piu' bello (narrandogli la storia della principessa sul pisello) e poi prendi una cannuccia e gli fori il cervello. ecco il cervello bucato stile emmenthal. poi metti della mozzarisella nei buchi del cervello del gatto e mangi tutto in un sol boccone, te lo ficchi in bocca come una spugna. yum
      salutami il tuo amico e dagli il mio indirizzo di casa, vivo a pyongyang

      Elimina
    7. Oddio, questa ricetta manco in Cannibal Holocaust la si vedrebbe :p

      Moz-

      Elimina
    8. Vegana Nordcoreana11 ott 2017, 21:09:00

      o SVIZZERA (aka hamburger, si chiama così dalle parti della mia amica sana di mente) di gatto :) più semplice no? Preparala, è facile!
      muahahahahahahaha

      Elimina
    9. Nah, non fa per me :)

      Moz-

      Elimina
  7. Non ci sono mai andato particolarmente dietro ai film Disney, questo è tra quelli che non ho mai visto... Benvengano le musiche in un film di animazione, ma non che i vari personaggi debbano cantarle e ballarle... Meglio i film dello Studio Ghibli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La particolarità della Disney è appunto questa di fare una sorta di momenti musical, è una loro prerogativa specifica che ha pagato. So che può non piacere.
      tra Ghibli e Disney scelgo sempre Disney, pur apprezzando lo Studio di Miyazaki (ma un po' meno Miyazaki).
      Filosoficamente sono più occidentale che zen :)

      Moz-

      Elimina
    2. Miyazaki per me viaggia su un altro pianeta!
      Le sue storie sono da trip di peyote!
      Amo la Disney, poi topi e paperi che i lungometraggi, ma se devo scegliere, il giapponese tutta la vita!

      Elimina
    3. Vro che le storie di Miyazaki sono fantastiche, ma appunto viene considerato il Disney orientale. Mica Disney viene considerato il miyazaki occidentale: la superiorità sta in questo :D

      Moz-

      Elimina
    4. Solo perché è nato dopo e perché l'occidente lo ha scoperto solo di recente! Prr! 😆
      Che ne sai che in Giappone, uno dei paesi più nazionalisti, quando importarono la Disney non dissero il Miyazaki americano? 😝

      p.s. l'anonimo compagno ci sta dando dei "froci" nel mio articolo sulle tartarughe... inizio a volergli bene!

      p.p.s. che bello scrivere da PC, spariscono gli errori da correttore autostronzo!

      Elimina
    5. Ehhh non credo, visto che Tezuka stesso si ispirò alla Disney (gli occhi di Paperino e la storia di Bambi su tutti).
      Oh, insomma... l'occidente vince perché vincono i suoi valori positivi.

      P.s. sono andato già a rispondergli :)

      Moz-

      Elimina
    6. Prima di scoprire Miyazaki avevo visto "Conan il ragazzo del futuro", "Anna dai capelli rossi", "Heidi", "Marco dagli Appennini alle Ande" senza sapere che fossero opere sue (in parte o totalmente), e ritenevo i film di animazione appunto dei musical animati più che dei cartoni animati lunghi, e restavo puntualmente deluso, ogni volta che mi convincevo a vedere un film Disney (perché quelli passavano in tv), per via di queste storie interrotte da parti musicali per allungare il brodo.
      Poi, con "Principessa Mononoke" mi si è aperto un mondo inesplorato! Film di animazione fatti come dovevano essere fatti (secondo me) dei film per uno che è cresciuto più con anime giapponesi che con cortometraggi Disney e Warner. Vedere un film dello Studio Ghibli lo vivo come la normale evoluzione da parte dello spettatore che da bambino seguiva serie animate giapponesi con passione e interesse.

      Per ultimo, ci sta pure il mio andare contro tendenza: se vai in Feltrinelli o qualunque negozio di DVD, di film Disney ne trovi facilmente, mentre un titolo Ghibli con fatica. E mi faccio attrarre dalle "cacce al tesoro"...

      Elimina
    7. Miyazaki ha avuto il suo momento d'oro dapprima tra gli appassionati manga con Mononoke (che ha rappresentato lo sdoganamento occidentale), poi con La città incantata e Howl (che sono stati proprio commercialissimi, nel senso positivo del termine).
      Anche io sono cresciuto con serie miyazakiane, addirittura anche Lupin III (penso che Cagliostro sia il suo miglior film, tra l'altro XD)
      Però resto sempre molto più disneyano... anche se comunque miyazaki l'ho apprezzato più volte :)

      Moz-

      Elimina
  8. Non proprio uno dei miei preferiti, ma la tua scrupolosa analisi mi fa riflettere, anche se difficilmente lo rivaluterò ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prova a rivederlo tenendo a mente questo simbolismo e gli archetipi che il film propone :)

      Moz-

      Elimina
  9. Bellissimo film, bellissima retrospettiva Moz (e bellissimo anche il videogioco *_*).

    Mi hai fatto venire voglia di rivederlo, non c'è che dire. A me è sempre piaciuto il messaggio che infonde nel giovane spettatore e ai genitori del giovane spettatore.

    In particolare al giovane spettatore viene insegnato a obbedire agli ammonimenti dei genitori, perché disobbedire a volte porta della conseguenze negative. Ma ai genitori viene insegnato che ai figli deve essere concesso anche l'hakuna matata, il vivere momenti spensierati. Poi quando verrà il tempo, i figli cresceranno e prenderanno le proprie responsabilità.

    Una lettura forse anche banale di quest'opera, che è caratterizzata da una forte impronta politica, con la condanna dei regimi che si basano su un consenso popolare spesso imposto a forza..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, il messaggio è sicuramente duplice, e ovviamente per un tipo come me vince l'Hakuna Matata e... l'avere amici potenti per continuare a non fare un cazzo e vivere ugualmente nella società comandante XD
      Di certo poi c'è il messaggio anti-populista con la figura delle iene, che per me davvero riassume la storia moderna.

      Moz-

      Elimina
    2. Per i miei figli maschi solo hakuna patata! Li voglio porcelli come il papà che a 7 anni faceva la bava stile dr. Slump (gheeee gheeee) guardando Colpo Grosso!

      Ho avuto un deja vu, già abbiamo parlato di colpo grosso... ah sì, era nel tuo articolo sui vecchi programmi questa estate.

      @Riky: leggi risposta su articolo di Topolino, aspetto una tua email!

      Elimina
    3. Ahaha, mito dottor Slump, sempre eternamente allupato.
      Colpo Grosso sì, citato in un post estivo... mamma che pere^^

      Moz-

      Elimina
  10. Come hai già scritto, è un capolavoro. Per me è il film di animazione Disney per antonomasia (okay, a livello personale vince in ex aequo con La bella e la bestia, ma questa è un'altra storia).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche La Bella e la Bestia fa parte del Rinascimento Disney, opera comunque eccelsa.
      Ma Il Re Leone ha davvero TUTTO, ha il senso della vita :)

      Moz-

      Elimina
  11. Io sono fan sfegatata del mondo Disney e mi ricordo che quando uscì il film uscì anche il videogioco mi sembra del Sega... io avevo il Super Nintendo quindi niente gioco del Re Leone: che rabbia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io proprio non lo ricordo, questo videogame, se non nello spot di Topolino... Oo

      Moz-

      Elimina
    2. Veramente era multipiattaforma, anche io avevo il Super Nintendo e il gioco me lo aveva prestato mio cugino:
      https://it.wikipedia.org/wiki/Il_re_leone_(videogioco)

      Insieme a quello di Aladdin i miei due videogiochi Disney preferiti (almeno nell'era pre-32bit, dopo ho smesso di giocarci e ricordo anche un calo della qualità nelle recensioni).

      Elimina
    3. Il Re Leone, è il mio classico Disney preferito in assoluto! (Cosa che non posso dire del n.2 che invece non mi è piaciuto... ma eguagliare la grandezza del primo era quasi impossibile!).
      Ogni volta che lo riguardo piango come una bimba nel momento in cui Simba fa il suo ritorno e la sua mamma lo scambia per Mufasa... 😊
      Concordo anche su ciò che hai detto su Scar... indubbiamente un personaggio riuscito, che rappresenta al meglio qui difetti che anche gli esseri umani, purtroppo, molto spesso possiedono e che li portano ad odiare il proprio stesso fratello.
      Un capolavoro! 😘😘😘

      Elimina
    4. @Ema: di Aladdin ho avuto quello per Game Gear *___*

      @Benedetta: io manco li considero i seguiti direct-to-video, sai?
      Però Il ritorno di Jafar sì, che apre la porta alla serie tv e poi al film finale.

      Io, comunque, sono sempre stato dalla parte di Scar. Giuro.
      Mufasa è proprio scialbo, mi dispiace che muoia ma Scar fa bene sia a prendersi il trono sia a soggiogare quelle idiote delle iene. Credo sia il mio personaggio Disney preferito *__*
      Be Prepared!

      Moz-

      Elimina
    5. Grande! Anche io sono quasi sempre dalla parte dei villain, soprattutto quelli di Superman! Ad esempio Zod, quello moderno, è un buono incompreso che secondo Jor-El sbaglia i modi.

      Game Gear, che spettacolo! Sei stilo per sei minuti di gioco ma quanto stava avanti?

      Elimina
    6. Madonna! Io per fortuna una volta ebbi una tastiera musicale. L'alimentatore della stessa.... era compatibile con il Game Gear, e quindi finalmente ho potuto giocarci, anche perché era la volta di videogames più complessi come Wonder Boy III.
      Viva i cattivi, viva Scar :)

      Moz-

      Elimina
  12. Non è il mio classico Disney preferito, ma resta sicuramente un caposaldo dell'animazione, uno dei primi film della rinascita Disney!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, e soprattutto il suo apice: i successivi sono inferiori anche ai precedenti (tranne forse Notre Dame)...^^

      Moz-

      Elimina
  13. Non avevo mai dato questa chiave di lettura al re leone, però devo dire che effettivamente è così. non fà una piega. Me lo ricordo quando uscì, ero piccolissima, e al cinema per l'occasione vendevano anche un sacco di gadget, io presi il peluche e il puzzle che ho ancora! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io credo di avere in casa il peluche di Simba, ma è di mia sorella :)

      Moz-

      Elimina
  14. Io sono "vecchia maniera" adoro i vecchi film della Disney quando non erano ancora computerizzati. E poi anche se l'ho visto non so quante volte lo odio ; e peggio di questo Bamby. Muoiono sia la mamma che il papà. no,non si può. Alle mie figlie piacevano invece !! sai che ho ancora le videocassette?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, le vhs le ho ancora tutte anche io,
      Bambi non mi piace, è il fanalino di cpoda assieme al Libro della Giungla e Dumbo, per me... ma della classifica generale ne riparleremo presto^^

      Moz-

      Elimina
  15. Il Re Leone è per me il miglior film Disney di sempre! Prima dell'arrivo della Pixar almeno, che ha raggiunto a tratti gli stessi livelli. Non mischiamo capre e cavoli, Miyazaki è un genio assoluto e non si discute, ma cosa c'entra? Chi non ama il Re Leone ha il cuore arido punto e basta :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tay e benvenuto/a a bordo sul blog :)
      Diciamo che la contrapposizione Disney/Ghibli la si fa perché in sostanza sono l'uno la versione "al di là del mondo" dell'altro, una occidentale e l'altra orientale, con ovvie conseguenze nello stile e nella struttura.
      Noi tanto li amiamo entrambi, no? :D

      Moz-

      Elimina
  16. Bellissima retrospettiva! Da bambino non era uno dei miei cartoni animati preferiti, ma guardandolo di recente ho percepito la potenza che ha questo film. Sicuramente uno dei migliori film della Disney. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Wah, quindi ti sei ricreduto :)
      Magari succederà anche con Stranger Things :)

      Moz-

      Elimina
    2. Credo che sia molto più facile che rivaluto "Fuga di cervelli" che "Stranger Things"! Comunque il gioco per Android è davvero figo!

      Elimina
    3. Ahahah, addirittura XD
      Comunque sì, bel giochetto a cui spero di mettermici presto sotto!
      Dai, la seconda stagione ti piacerà :)

      Moz-

      Elimina
    4. Credimi: per uno come me che fatica a guardare le serie TV, guardare la prima stagione di "Stranger Things" che erano solo 8 puntate è stata una sofferenza atroce. Visto che questa seconda stagione è ambientata nel 1984, riguardo "Ghostbusters" e mi risparmio! Ahahahah! :D

      Elimina
    5. Anzi se ti fa piacere sapere come la penso ecco in dettaglio nel blog: http://liberodidisognare.blogspot.it/2017/05/io-e-stranger-things-i-and-stranger.html

      Elimina
    6. Quel tuo post lo conosco :D
      Io sono proprio curioso di vedere cosa tireranno fuori dal 1984 :)

      Moz-

      Elimina
    7. Beh dai, basta scrivere "1984" e Wikipedia ti dice tutto! Ahahahahah!!! :D Si scherza eh! :)

      Elimina
    8. Specie su di un grande romanzo distopico XD

      Moz-

      Elimina
  17. ma quant'ho amato questo post
    banale pari a zero
    sei il mio solito punto di riferimento nella blogosfera Mozzino... mai scontato, sempre super!
    ciò detto, è una disneyata che mi ha lasciato il dolcissimo in bocca, anche se prediligo il mondo delle principesse anche io ravvedo tutto il bene che ci può stare di esserci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, qui manca la "principessa", e sappiamo che quello delle Principesse è un brand che funziona alla grande :)
      Forse anche per questo Il Re Leone è quasi una cosa a sé...
      Grazie mille Pata :)

      Moz-

      Elimina
  18. Bellissimo questo film, davvero bellissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, per me il migliore della Disney :)

      Moz-

      Elimina
  19. Ricordo ancora quando andai a vederlo al cinema... Stupendo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Idem, anche io ricordo precisamente la visione al cinema^^

      Moz-

      Elimina