[PENSIERI] and the winner is Kevin Spacey


Ma cosa sta succedendo?
Tutti si sono improvvisamente ricordati, dopo anni, di essere stati molestati e/o stuprati.
Ma scusate, tutti adesso, in blocco?
Non poteva succedere che, chessò, due persone l'anno scorso, dieci persone quest'anno, e altri magari quattro anni fa?
E invece no: negli ultimi mesi del 2017, tutto adesso, l'anno delle molestie nello showbiz, giusto in tempo per discorsi altisonanti ai Golden Globe.

Dopo il deprecabile scandalo Weinstein, anche in Italia ci siamo accodati e sono spuntate denunce varie&eventuali, con Le Iene a fare da cassa di risonanza, tra un servizio sulla Blue Whale e uno su Fukushima/Gran Sasso.

Nel calderone viene tirato in ballo anche il nostro Fausto Brizzi, con accuse di signorine e difese da parte di altri artisti.
In America intanto si scoperchiano le malefatte di Dustin Hoffman, colpevole di aver oltrepassato i limiti e molestato diverse ragazze.
E poi tocca a Kevin Spacey. Qua la questione si fa più interessante. Colpo di scena, la guerra femminista non c'entra, perché l'American Beauty che piace al divo non ha la patata ma il pisellino: Spacey avrebbe molestato dei ragazzi, anche giovani, rendendo insopportabile il clima sui set.

Ora, quali che siano i vostri gusti sessuali, io non so come fate a corteggiare qualcuno. Certo, magari oggi, da grandi, siamo tutti bravi con mazzi di fiori da 100€ e puttanate romantiche.
Ma cazzo, chiunque -io per primo- è stato stalker con sms infiniti (anche di notte), pedinamenti, telefonate anonime, appostamenti sotto casa, inseguimenti in auto. Tutti abbiamo oltrepassato i limiti, quando ci piace qualcuno.
Facendo cose che, a ben vedere con gli occhi del poi (che siano finite in matrimonio o in due di picche), sono davvero insopportabili per chi le vive. Come in un set con Spacey o Hoffman.
Stalking: sì, oggi lo chiamano così.
Ai tempi nostri se chiamava voja de scopà, to'o ricordi signò?

Succede quindi che il nome di Brizzi sparisce dai manifesti del suo ultimo film; succede che Spacey viene allontanato dalla serie a cui partecipa da anni e addirittura Ridley Scott rigira le scene con un altro attore per il suo nuovo film (a cui non darò una lira).


Ora: lo stupro è deprecabile. Da condannare senza se e senza ma.
Le molestie sono fastidiose, da condannare specie quando sconfinano nell'ingestibile e non sopportabile.
Ma c'è differenza tra subire violenza sessuale e recarsi da sé nelle fauci di un mostro?
Chiedetelo a chi -purtroppo- ha subìto violenze.
Se un giorno il Weinstein del blogging mi invitasse a una festa e poi mi facesse restare la notte, da solo, con lui... beh, capirei subito dove vuole andare a parare (mica sono scemo!).
Se poi addirittura mi dicesse fammi una pompa e pompo il tuo blog, e io decidessi di pompare, e a pompino avvenuto ottenessi il pompaggio... non posso uscirmene, cent'anni dopo, con la storia del ricatto sessuale. Che, in fondo, ci sarebbe pure. Stessa cosa se mi costringesse, in situazione analoga, a certe pratiche orali. Insomma, suona un po' ridicolo denunciare dopo anni. Ridicolo e strumentalizzato, quando esplode un caso simile. Suona, ho precisato. Non ho detto che sia ridicolo e strumentalizzato.

Quindi la questione che voglio capire è: perché tutti ora? È un semplice meccanismo mentale alterato dalla paura, che spinge al silenzio per anni? Oppure è la paura di doversi scontrare con chi ha un nome importante e ti farebbe il culo -stavolta figuratamente- se si passasse per vie legali? Oppure ancora è una tacita auto-omertà che ci fa star zitti perché almeno così possiamo rimanere in quel mondo dorato e ottenerne qualche vantaggio?
Oppure sono tutte queste cose messe insieme?

Dobbiamo tornare tutti in una dimensione più normale e ragionevole.
E capire.
Perché se è vero che anche fischiare a una bella ragazza o fare apprezzamenti è molestia, allora io sono uno stupratore.
E amerò rendere invivibili i vostri set.
Intanto, Spacey lo si vede in qualche inquadratura del film di Scott, che ha filmato sì androidi e alieni, ma non è riuscito a rigirare proprio ogni scena col nuovo attore: and the winner is Kevin Spacey.

P.s. ogni commento con riferimenti offensivi verso terze persone (di spettacolo e non) verrà rimosso

237 commenti:

  1. Cosa ne penso? Che È tutto un gran burlesque!! Ora tutte vestite di nero. Bha. Ma resta un fatto l'uomo o la donna (per par condicio) non diventano maiali se non ci sono altrettanti uomini e donne arrivisti . Restano maiali comunque ma nei loro limiti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che sia un gran burlesque giusto giusto per i Golden Globe l'ho pensato anche io. Tutto fa scena, nello showbusiness.
      Poi, che i reati ci siano (stati) davvero, è un altro deprecabile conto...

      Moz-

      Elimina
  2. Una delle battute più amare ed efficaci, in tal senso, è questa: "Strana memoria altalenante queste attrici! Cinque minuti per imparare la parte, trentanni per ricordarsi come l'hanno ottenuta..".
    Ovvio si rischia di generalizzare a sproposito.. ma bisogna pensarci un attimo..
    E comunque il mio Kevin fatto fuori così no, proprio no.. e poi, giuro! A me non m'ha mai molestato!!!...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me il panettone mi ha molestato ma io ho fatti giustizia subito u.u

      Scherzi a parte... L'ironia sale prepotente in questa storia, che ironica non è, perché l'hanno fatta diventare una pagliacciata goldoniana.

      Elimina
    2. Esattamente: poi in America sono bei tipi. Hanno votato Trump e si esaltano per il lutto-Globe col discorso di Ophra.
      Insomma, sono goldoniani a prescindere.
      Ma il vincitore è sempre Kevin Spacey.

      Moz-

      Elimina
  3. Non avendo fortunatamente mai subito molestie non mi permetto di entrare nel merito di ciò che provano le vittime o di ciò che ha guidato/sta guidando le loro azioni (benché la storia dei due Corey parli da sola: inutile accusare se la gente non ti crede, finge di non crederti per non andare a pestare i piedi ai potenti o ti impone il silenzio pena l'esclusione da qualunque tipo di attività artistica) ma non ritengo affatto negativo che ora "se ne parli"; perlomeno il segreto di pulcinella ora è sulla bocca di tutti e, per 100 persone che fingono di essere scandalizzate e non sapere, ce ne sono 10 che aprono realmente gli occhi per la prima volta e magari 'sto muro di omertà dove nel mondo dello spettacolo chiunque può fare quello che vuole senza restare impunito si sgretolerà.

    Come al solito, ci sono però i rovesci della medaglia e i soliti due pesi e due misure: Polanski non ha mai pagato per il suo crimine ed è ancora considerato un grandissimo Autore, Victor Salva (uomo di merda, per carità) si è fatto anni di carcere eppure chiunque ha boicottato il suo ultimo film, siti specializzati compresi.
    Spacey, dal canto suo, ha cercato di pararsi il culo facendo outing e ha sbagliato clamorosamente, "giustificando" un comportamento sbagliato con l'essere gay. Chi è causa del suo mal pianga sé stesso oppure un ufficio stampa particolarmente indelicato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Su Spacey, anche io mi sono chiesto il perché di quella scelta. Che vedo controproducente. Non so chi gliel'abbia suggerita, ma ha sbagliato. Certo, a sbagliare in assoluto è Netflix che cancella House of Cards e Scott con il suo film di merda.
      Vero: ora forse il grande pubblico ha aperto gli occhi, ma penso che chiunque sapesse come andava in quel mondo.
      Insomma, uno scandalo creato ad hoc per... scandalizzare, e qualcuno ci ha rimesso. Altri non ci rimettono mai^^

      Moz-

      Elimina
    2. Netflix guarda ai profitti, idem Scott (che, per inciso, ha girato un bel film. A mio avviso già l'idea di mettere Spacey con trucco posticcio - le foto ufficiali erano orribili - al posto di Plummer - uno dei candidati al ruolo assieme a Nicholson e Oldman... - era un'idea del belino), criticarli non ha senso in tempi come questi.
      Anche lì, per 10 persone che, come me, guarderebbero a prescindere un prodotto con Spacey, ce ne sono 100 che boicotterebbero il film, soprattutto in un paese moralista come gli USA, senza contare picchetti di protesta, catene di cinema che rifiuterebbero di proiettarlo, sponsor che si ritirerebbero ecc. ecc. La stessa Williams ha candidamente ammesso che avrebbe fatto fatica a promuovere il film assieme a Spacey se fosse rimasto nel progetto.

      Elimina
    3. L'America, paese strano, appunto.
      Hanno votato Obama e sono pronti a far pompini se vince la Clinton.
      Guarda, potremmo quasi dire che Scott, visto il pessimo risultato con Spacey posticcio, ha preso la palla al balzo e ha rigirato le scene con un artista più credibile... XD

      Moz-

      Elimina
  4. Le denunce di stalking non sono certo una novità, dipende da che canali uno si informa... Talvolta basta trovarsi in un'associazione, esce il discorso, e qualcuno confessa ai presenti di aver subito molestie più o meno pesanti, qualcun altro trova il coraggio di dire di aver anche denunciato una persona a riguardo...
    Vogliamo poi parlare delle molestie perpetrate da "gente di chiesa" per secoli e quasi sempre insabbiate? O di certe abitudini del Duce? Sto sparando nel mucchio, se manco di par condicio scusatemi ma non sto facendo campagna elettorale...
    Dal mio punto di vista non è "tutte adesso si ricordano", ma "tutte adesso hanno il coraggio di parlare". Secondo me una percentuale di dichiarazioni è fasulla, magari si tratta di semplici inviti a cena cordialmente rifiutati, ma alla maggior parte ci credo, mi stanno anzi antipatici quei media che insinuano il sospetto che siano tutte montature di attrici decadenti per tornare alla ribalta (come fa puntualmente Radio Capital).
    Provate a mettervi nei panni di un'aspirante attrice che, per ottenere la parte, deve umiliarsi con un produttore, un regista, un attore di fama, che se parlasse sarebbe la parola di una sconosciuta contro quella di una celebrità talvolta "monumentale"... Forse a quel punto capireste perché si sceglie di parlare soltanto dopo che un primo baluardo si è alzato e ha preso la parola.
    Poi questo discorso che "chiunque è stato stalker" non lo accetto: tra corteggiare ed essere insistente c'è un abisso, tra consegnare una poesia e mettere le mani addosso idem. Bada che i romantici non fanno rumore né notizia...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me fa strano che tutto sia successo quasi in funzione del discorso di Ophra, come a concatenare gli eventi.
      Cioè, hanno fatto uscire lo scandalo -di cose reali e brutte- ma proprio adesso.
      Secondo me un po' è stato strumentalizzato, il tutto. Quindi, se è così, le vittime sono vittime doppiamente.

      Moz-

      Elimina
    2. "Bada che i romantici non fanno rumore né notizia": in effetti i romantici piacciono solo a chi non è il destinatario dell'atto di romanticismo :)

      Elimina
    3. Ahaha, vero vero. Boom, siamo stati friendzonati XD

      Moz-

      Elimina
    4. A me non dà fastidio la molestia, che poi il pompino in cambio della parte non è molestia, mica ti puntano una pistola alla tempia, se hai dei valori rifiuti, altrimenti sei zoccola quanto lui maiale, cosa diversa se ti toccano il culo durante un provino, QUELLA è molestia e pure da condannare! Quello che mi fa imbestialire tanto da voler prendere a sberle questi produttori è che mi tocca subire al cinema e in televisione queste capre della recitazione, che non dovrebbero stare lì neanche se dessero il culo a 1000 produttori/registi (e in Italia c'è una lista che non finisce più, almeno in america se fai schifo sparisci subito!).

      Elimina
    5. Eh, vero anche questo: per colpa di produttori maiali o provinisti peggio ancora, ci ritroviamo spesso attricette da due soldi.

      Moz-

      Elimina
    6. @Ema: che poi il pompino in cambio della parte non è molestia, mica ti puntano una pistola alla tempia

      In realtà a rigor di legge italica è molestia, nel lunghissimo commento sotto lo spiego :D

      Elimina
    7. Ma allora scusate, se uno mi propone qualcosa in cambio un bocchino, io succhio e ottengo quel che voglio, poi posso pure denunciare? :o
      Interessante :)

      Moz-

      Elimina
    8. Evidentemente si tratta di una di quelle famose leggi del cazzo. Ce ne sono parecchie!
      Quando stavo ampliando una mia vecchia società già avevo contato di fare colloqui a suon di doti orali (abbinate al curriculum, mica avrei assunto quelle brave solo in quello!).
      Comunque sono molestie anche quando fanno i provini per i film porno? 😝

      Elimina
    9. Gas: "Provate a mettervi nei panni di un'aspirante attrice che, per ottenere la parte, deve umiliarsi con un produttore, un regista, un attore di fama, che se parlasse sarebbe la parola di una sconosciuta contro quella di una celebrità talvolta "monumentale"... Forse a quel punto capireste perché si sceglie di parlare soltanto dopo che un primo baluardo si è alzato e ha preso la parola."
      Quale sarebbe la minaccia? "Non lavorerai mai più come attrice"? Bene... vado a fare la cameriera (mestiere rispettabilissimo peraltro!) ma tu le tue manacce schifose addosso a me non le metti!
      Scelgo la mia dignità di donna piuttosto che il lavoro dei miei sogni...
      Io credo che finché ti viene data la possibilità di scegliere non si possa parlare di "violenza"!
      È uno schifo, è vero, ma non è una violenza sessuale!
      Si può parlare di "abuso di potere", e si deve assolutamente pagare per quello, ma la violenza sessuale è un'altra cosa.
      E poi per carità, si può denunciare anche dopo trent'anni... in caserma però, non sui giornali o in TV!

      Elimina
    10. Non voglio passare per professorino, anzi sì :D (affetto dalla sindrome Bojack Horseman): se io costringo una ragazza a farmi un pompino, perché le dico, se non mi fai il pompino, non ti faccio avere la parte in quel film, è un abuso, perché sfrutto la mia posizione per ottenere un rapporto sessuale.

      E' un abuso perché lo dice la norma di legge :D, quindi si può discutere se questa legge sia giusta o meno.

      Comunque sì Moz: poi una denuncia ovviamente comporta delle responsabilità. Se io ti denuncio e tu nel processo vieni assolto, rischio una bella denunciona per calunnia...

      Elimina
    11. Riky ma "abuso di potere" e "violenza sessuale" per la legge è la stessa cosa? Voglio dire, se Tizio aggredisce e violenta una ragazza in metropolitana e Caio chiede ad una ragazza una prestazione sessuale in cambio di una parte in un film, per legge devono essere puniti nello stesso modo?

      Sfruttare la tua posizione per avere un rapporto sessuale è uguale a costringere una ragazza con la forza magari con un coltello o un pezzo di una bottiglia rotta puntato alla gola?
      Non sei d'accordo nel dire che la prima può scegliere (anche se è uno schifo ed non dovrebbe mai succedere di scegliere di perdere il lavoro) e la seconda no?
      Sono due cose gravissime, da punire entrambe, ma non sono proprio la stessa cosa secondo me!


      Elimina
    12. @Emanuele: povero Brass allora, che non è manco porno...

      @Benedetta: la scelta sì, diciamo che non è violenza sessuale se c'è scelta ma è abuso e violenza psicologica. Che poi voglio dire, c'è pure da dire che non è che esiste solo quel produttore. Se una fabbrica mi dice: ti assumo ma prima me la dai, posso sempre andare in un'altra fabbrica XD

      @Riccardo: no, ma io intendevo con realtà del fatto. Mi fanno la proposta "se fai x ti do y", faccio x, e dopo anni denuncio.
      Quindi ho ottenuto y e ho pure denunciato! Non ci si guadagna davvero niente a essere porci XD

      Moz-

      Elimina
    13. Riky ma per la legge "abuso di potere" e "violenza sessuale" sono la stessa cosa?
      Se Tizio chiede ad una ragazza una prestazione sessuale in cambio di una parte in un film e Caio aggredisce e stupra una ragazza in metropolitana, per la legge hanno commesso lo stesso tipo di reato e devono essere puniti allo stesso modo?

      Non sei d'accordo sul fatto che la prima può rifiutarsi mentre la seconda non può farlo?

      Sono entrambi reati gravi e pertanto devono essere puniti... ma sono due cose moooolto diverse secondo me!

      Ci vuole più rispetto, secondo me, per le vere vittime delle violenze sessuali...

      Elimina
    14. @Miki vedi che la questione è stata sollevata ben prima del discorso di Ophra, che peraltro scopro soltanto qui. Ho cominciato a sentirne parlare da una dichiarazione fatta da Asia Argento vari mesi fa.

      @Benedetta secondo me è che certe "proposte indecenti" non ci dovrebbero proprio essere, così come qualunque abuso di potere. Se un artista ha talento, nessuno ha diritto di spezzargli la carriera e tantomeno di ricattarlo; se un artista è un incapace, nessuno ha diritto di farlo lavorare a scapito di altri chiedendo una contropartita.

      Elimina
    15. @Benny: Riky ma "abuso di potere" e "violenza sessuale" per la legge è la stessa cosa? Voglio dire, se Tizio aggredisce e violenta una ragazza in metropolitana e Caio chiede ad una ragazza una prestazione sessuale in cambio di una parte in un film, per legge devono essere puniti nello stesso modo?

      La violenza sessuale è quando io costringo una persona a fare un atto sessuale. Posso costringerti all'atto con la violenza (a forza), con le minacce (ti punto un coltello alla gola), con entrambe, oppure con l'abuso di potere.

      Per cui l'abuso di potere non è una violenza sessuale, quanto uno strumento per arrivare ad essa.

      Giocoforza chi aggredisce una ragazza al parco e la violenta subirà una pena maggiore rispetto a colui che ha avuto un rapporto sessuale, sottomettendo la ragazza dicendole "o me la dai o la parte la vedi con il binocolo".

      Più o meno lo avevo spiegato nel mio primo lunghissimo commento XD

      Elimina
    16. @Riky: ma mica dopo il pompino era detto che avrei dato loro il posto! Sarebbe stato solo un punto in più 😆

      @Miki: secondo me manco gli ha mai funzionato a quello... ha proprio la faccia del guardone/voyeur che manco si masturba, fa solo versi tipo Villaggio e bavetta!

      Elimina
    17. @Benedetta e Ricky: sì, anche per me c'è differenza tra un ricatto (che è violenza psicologica quando non hai scelta) e uno stupro.

      @Gas: certo. Infatti questo post l'ho annunciato tempo fa, e ho giusto aggiunto la frase sui Golden Globe che casualmente sono capitati a fagiuolo! :D

      @Ema: non so, dice di essere appassionatissimo del lato B, chissà se solo visivamente, tattilmente o incularmente XD

      Moz-

      Elimina
    18. Complimenti gas75, mi hai praticamente scippato i pensieri... XD

      Elimina
    19. È uno scippatore di emozioni^^
      Benvenuto/a a bordo!

      Moz-

      Elimina
  5. Penso che ovviamente non si può fare di tutta l'erba un fascio: c'è sempre qualcuno che se ne approfitta, in un senso o nell'altro. Ora, io credo però che di sottofondo ci sia questo: che in molti ambienti in questo mondo l'uomo ha un potere che la donna non ha ed è un problema non da poco. Poi ci sono le vittime e chi si svende. O magari c'è anche chi dice "perché se subisco una violenza o una molestia devo pagarne le conseguenze io e non lavorare più? Lavoro e non denuncio perché il tipo è potente e perderei comunque, sarebbe la mia parola contro la sua". Un altro discorso è offrirsi volontariamente, certo. Ma ci sono anche meccanismi psicologici molto complicati, in cui anche se si è consapevoli che qualcuno ci fa del male non siamo in grado di capirlo o lo giustifichiamo (pensa alle donne che non se ne vanno da un marito che le picchia e lo giustificano: non sono stupide, è che non ci riescono). È difficile anche parlare di chi ha taciuto finora: è sempre il problema della mia parola contro la sua. Se una prende il coraggio e denuncia, altre si sentiranno di poter dire la loro e finalmente essere credute. Un'altra cosa: il discorso per cui "se succedesse a me io reagirei così" purtroppo è fuorviante. Sulla carta diciamo tutti che denunceremmo subito il mostro, ma la verità è che nessuno sa come si comporterebbe se gli succedesse davvero. C'è anche uno studio psico-sociologico che l'ha dimostrato. Infine ti dico questo: fischiare a una bella ragazza lo trovo particolarmente maleducato, ma certo non la reputo una molestia, però ti assicuro che quando è successo a me mi sono sentita profondamente in imbarazzo. Se sei in mezzo alla gente tutti si girano e ti ritrovi improvvisamente al centro dell'attenzione, e magari a una fa piacere, io mi sarei affossata per la vergogna. Io sono una persona che arrossisce con poco e magari non sa più cosa dire quando si ritrova in imbarazzo... Ti sembra giusto che io mi debba sentire a disagio per qualcosa che non ho né fatto né chiesto? Credo che ci sia un limite della sfera personale delle persone che non andrebbe oltrepassato, è chiaro che il limite non è ben definito, ma penso anche che un minimo di buonsenso sia in grado di farlo capire a tutti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come premesso, non si tratta -per fortuna- di discorsi femministi, visto quel che è successo con Spacey.
      Probabilissimi i meccanismi che citi, e che io stesso ho elencato.
      Quel che temo, però, è che l'uscita pubblica di queste denunce, praticamente a frotte, possa essere strumentalizzata non per forza a fin di bene (ossia denunciare effettive molestie o sensazioni di malessere provocate da terzi).

      I limiti non sono ben definiti, fischiare è sicuramente un gesto rozzo ma appunto no è molestia :)

      Moz-

      Elimina
    2. Il fatto che le cose vengano poi strumentalizzate non aiuta la causa, questo è certo. Da qui a dire che tutto è nato in funzione del discorso di Oprah, be', mi sembra alquanto da complottari. Se Kevin Spacey è stato coperto in virtù di un potere che aveva dovuto al personaggio che era, alla codardia di chi ci lavorava, alla paura di perdere il posto, francamente per me Kevin Spacey non ha vinto niente, se è vero che si è comportato di schifo qualcuno ne avrà approfittato ma forse qualcuno ne ha sofferto sul serio (ma non mi pronuncio perché non posso saperlo). D'altro canto, Ridley Scott è il regista, il film è suo e ci fa quello che gli pare. Non capisco perché si punta sempre sulla malafede di chi cerca di fare qualcosa per cambiare alcuni meccanismi, o per dare un messaggio forte. Forse perché fa più comodo lasciare le cose come stanno? Il fatto che fosse più facile tacere che parlare non ti dice nulla? Il fatto che adesso che parlano si gridi al "eh, adesso tutte allora" cosa ti dice? Che queste persone si espongono ora perché si sentono minimamente difese, ma ancora in molti pensano solo che dovrebbero starsene zitte/zitti al loro posto visto che l'hanno fatto finora... No, questo discorso non mi piace.

      Elimina
    3. Nessuno pensa che bisogna stare zitti, anzi.
      Bisogna denunciare, sempre.
      Certi meccanismi sono complessi, ho provato anche a elencarli. Lo so bene.
      Non voleva essere un discorso complottaro (peraltro, il post l'ho annunciato a fine gennaio e Ophra ha fatto il suo bel discorso solo ieri...), dico semplicemente che mi puzza un po' di strumentalizzazione quando avviene tutto di colpo. O strumentalizzazione, o deve essersi rotto qualcosa in un meccanismo di omertà e potere, in alto. O qualcuno ha voluto far cadere delle teste.
      Forse è complottismo anche questo, chissà... :)

      Moz-

      Elimina
  6. Essendo stata vittima di uno stalker ti assicuro che pedinamenti e bombardamenti di sms possono essere considerati molestie,anche dal punto di vista legale. E ritengo che fischiare a una ragazza sia un comportamento da bifolchi.Anna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho cambiato numero di telefono perché un mio ex mi chiamava alle 4 di notte e con insistenza. Uno che fra l'altro mi aveva fatto parecchio del male (psicologicamente parlando) nei pochi mesi trascorsi insieme, in un periodo in cui ero a terra e quindi qualunque attenzione mi pareva affetto. Per fortuna è un tipo parecchio codardo e non si presentava sotto casa (ma vivevo ancora con i miei, fossi stata sola?)

      Elimina
    2. @Anna: sicuramente è un gesto rozzo, il fischiare, ma non molestia. Poi, ovviamente, ognuno lo vive in modo diverso a seconda di come è di carattere.
      Pedinamenti e bombardamenti di sms sono ovviamente molestie, e chi dice il contrario.
      Tutti lo abbiamo fatto, per un periodo limitato, perché magari ci piaceva qualcuno. Nei limiti, ovviamente. Limiti che gli stalker reali sorpassano perché sono malati.

      @Miky: una brutta situazione. Cioè è anche comprensibile all'inizio, come cosa, perché magari voleva riconquistarti (nella sua visione delle cose, e i modo sicuramente sbagliato). Com'è finita?

      Moz-

      Elimina
    3. Ah niente, cambiato numero di telefono finito il discorso. Per fortuna ha lavorato qualche anno lontano da qui e quindi non l'ho più incontrato per un po'. Adesso è tornato e qualche volta lo becco: evito accuratamente il luogo dove lavora (mio marito gli ha pure chiesto un'info, totalmente ignaro, mentre io mi aggiravo lontana fingendo di dover addormentare la piccola; all'uscita ho detto a mio marito chi era, per tacito accordo in quel posto non ci mettiamo più piede :D), però me lo sono ritrovata al parco mentre ero lì con mia figlia. Per fortuna era con suo figlio e mi ha solo detto ciao e se n'è stato lontano (o mettere su famiglia gli ha fatto mettere la testa un po' a posto, oppure non vuole rogne...)

      Elimina
    4. Oddio, magari è semplicemente "cresciuto", ha una famiglia e non è più un cagacazzi come prima...
      Spesso anche l'immaturità spinge a compiere gesti o a tenere comportamenti un po' borderline XD

      Moz-

      Elimina
    5. Be' lui ha 10 anni più di me, doveva essere cresciuto prima... e comunque di problemi ne aveva anche altri ma non sto qui a spiegare.

      Elimina
    6. Eh, ho capito allora... una personalità difficile e problematica.
      Meno male che si è limitato alle chiamate notturne. Magari non è tipo da fare altro, ci mancherebbe...

      Moz-

      Elimina
    7. Non che ci creda molto a certe "crescite" miracolose... Qualcuno ha pure detto che il carcere rieduca, ma farsi qualche anno di carcere è ben diverso dal mettere al mondo figli. Anzi certi individui farebbero meglio (per la società) a non riprodursi neppure: uno stalker che insegnerà al figlio quando entrerà nella pubertà?

      Elimina
    8. Però si può anche cambiare e capire i propri errori, no?
      Chissà... forse questa risposta non la conosce davvero nessuno...

      Moz-

      Elimina
  7. E comunque certi limiti non vanno sorpassati. Se ti sei comportato cosi ti saresti meritato una denuncia.E ancora giustifichi certi comportamenti.Dovresti vergognarti.Anna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non giustifico alcun comportamento che superi i limiti, non so dove tu abbia inteso ciò.
      Non merito nessuna denuncia, e non mi vergogno affatto se, innamorato, ho insistito con qualche ragazza.

      Moz-

      Elimina
    2. Be', magari fischiare può non essere molestia, ma se la persona in oggetto dimostra di esserne infastidita allora è decisamente il caso di non insistere... Se il tuo comportamento mette a disagio qualcuno, la smetti, e basta. Qua mi trovi poco d'accordo, Moz :P
      -Shinchou-

      Elimina
    3. Ma infatti, basta non superare il limite del buon gusto.
      Mai mettere a disagio gli altri, siamo d'accordissimo, altroché.
      P.s. io non fischio :)

      Moz-

      Elimina
    4. Allora ci si è chiariti. :)
      Con "il tuo comportamento" comunque io intendevo un "tu" generico, non proprio tu TU. È ovvio che il tuo livello è più elevato rispetto a quello di un fischiatore medio xD
      -Shinchou-

      Elimina
    5. Sì, avevo capito che non ti riferivi a me.
      Ci saranno stati sicuramente casi in cui ho involontariamente messo a disagio della gente, perché sul momento (o meglio, NEL momento) manco ti rendi conto: ti piace una persona e fai di tutto per provarci. Ma so quali limiti non sorpassare.
      Avrò fatto appostamenti (del tipo far coincidere orari, farmi trovare da qualche parte perché sapevo avrei trovato X o Y) ma questo non è stalking, per me e per il mondo che si definisce normale.

      Moz-

      Elimina
    6. Comunque c'è anche un altro distinguo da fare: tu ti avvicini e mi dici sei bellissima è un complimento, il datore di lavoro al colloquio che ti dice sei bellissima è qualcos'altro... (e parlo di lavoro normale, sei bellissima a un'attrice ci può stare eccome, in un ufficio è totalmente fuori luogo). Non possiamo accomunare un gesto innocuo dell'uomo comune a un gesto simile di un uomo che mi sta offrendo una posizione di lavoro o con cui sto iniziando un rapporto professionale... secondo me è qui che certa ironia è totalmente fuori luogo. La mano sulla coscia del mio coetaneo non è la mano sulla coscia del prete quando ho 8 anni (successo anche questo, per dire...)

      Elimina
    7. Ma appunto: quindi se un datore di lavoro ti invita a cena e a rimanere in hotel con lui una notte, immagino che si intuisca da subito quanto fuoriluogo sia questa proposta, no? :)

      Moz-

      Elimina
    8. Certo, sui casi estremi e molto chiari è facile parlare. Sono i casi più subdoli e meno evidenti dell'esempio che fai tu che è difficile, sia riconoscere, sia difendersi, sia denunciare. Comunque quello che volevo dire è questo: sono d'accordo sul fatto che la strumentalizzazione in parte ci sia, ma francamente preferisco che se ne parli. Ovviamente se viene leso qualcuno che non ha fatto nulla no che non è giusto, ci mancherebbe. Se invece rimane leso qualcuno con delle colpe non mi frega niente, per quanto bravo sia. Quello che mi infastidisce però sono i discorsi del tipo: "eh, le ho messo la mano sulla coscia, adesso mi denuncia" che si legge di continuo su Facebook e simili, che mi pare semplificare un po' troppo e con un'ironia abbastanza fuori luogo nei confronti di chi subisce molestie.

      Elimina
    9. Anche io sono stato ironico in questo, quando ho detto che siamo tutti stalker (e infatti qualcuno non ha colto la cosa dicendo che dovrei vergognarmi se ho agito così).
      Ma semplicemente il mio appello è un altro: capire, tornare a una dimensione normale.
      Perché davvero oggi puoi essere denunciato per un fischio (che è solo rozzezza) o perché ci hai provato cingendole le spalle di ritorno dal cinema. E queste non sono battute, purtroppo...

      Moz-

      Elimina
  8. in generale anche io sono perplesso quando le denunce arrivano dopo, tanto dopo..... però ciò non toglie che se una cosa è sbagliata resta comunque tale nel tempo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esattamente. Ma dopo tanto tempo a me puzza di strumentalizzazione, e a rimetterci potrebbero essere doppiamente le vittime stesse del reato.

      Moz-

      Elimina
  9. Lo sai già chi sono9 gen 2018, 11:03:00

    oddio forse rimuoverai il mio commento, ma cerca Chris Savino "The Loud house" e vedrai un po' di cose...
    penso che fare complimenti a un uomo o una donna o mandargli messaggi d'amore possa essere carino finché l'altra parte è consenziente...
    Kevin Spacey ha avuto un comportamento deplorevole, come anche Woody Allen, Polanski e altra gente.
    Io dico solo che appena ci si trova di fronte a un uomo che dice "ma voi donne amate Twilight e le 50 sfumature (-_-) perché vi piace farvi maltrattare", oppure "è inutile che abbiate una relazione con qualcuno, solo le troTe possono stare con un uomo" o si autoinvita a feste per vedervi, vi urla in faccia al primo progetto ambizioso che avete, considera un ragazzo bisessuale (ovvero non gay ma nemmeno etero) che conoscevate omosessuale (detto con tono dispregiativo, essere gay è come essere etero, una cosa neutrale alla fine) quando paradossalmente quel ragazzo bisex ha avuto più fidanzate di lui, quando un ragazzo vi dice che ha fatto già scappare una fidanzata in precedenza...bene, SCAPPATE e la vostra salute mentale migliorerà!
    Ultima cosa- esistono donne possessive, non entrerò nei dettagli ma alcune risucchiano la vita ai propri uomini, che si sentono impotenti (non nel senso "sporco" della parola, ma nel senso psichico, impossibilitati ad agire), tenendoseli stretti manco fossero un diamante da 10 carati o giudicandoli per certi standard.
    Detto questo, puoi anche cancellare il mio commento. Non mi offenderò se lo fai, anzi, forse è meglio, perché come sai non piace molto espormi su argomenti quali sessualità/religione e similia...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non c'è nulla da cancellare, non hai offeso nessuno :)
      Non ho ben capito la questione del ragazzo bisessuale (so cosa significa bisessualità, comunque), ma tendenzialmente sono d'accordo.
      Non è una questione di genere, ma di persone (e infatti l'ho premesso sin dal titolo, citando Kevin Spacey -parafrasando Caparezza-). Ci sono persone che sbagliano, e fanno del male agli altri.
      Anche questo male va effettivamente quantificato e qualificato, perché se si tratta di un invito a cena con un "provarci" mano sulla coscia è un conto, ma se si tratta di altro, è appunto altro...

      Moz-

      Elimina
    2. "penso che fare complimenti a un uomo o una donna o mandargli messaggi d'amore possa essere carino finché l'altra parte è consenziente..".

      Esatto, anche questa è un aspetto della vicenda molto rilevante.

      C'è chi mette i paletti prima, per esser sicuro: "Ah io non mi metto con persone più basse di me". Oppure li mette dopo le prime 'avances'.

      Ecco, appunto, l'uomo deve essere intelligente a capire i segnali che la persona manda. Poi magari non deve rinunciare per sempre (nel senso che magari in futuro cambia qualcosa..), però deve rassegnarsi all'attesa che quel qualcosa cambi.

      Elimina
    3. Questo lo fa la gente normale, come me, te, spero tanti.
      Ma quando qualcosa non va nel cervello, magari scatenato da un rifiuto ingiurioso (non lo dico per giustificare, eh!), subentra lo stalking malato e altri tipi di comportamenti assurdi che sfociano in crimini.

      Moz-

      Elimina
    4. Eeeeee "frocio"... Bisex... Moderno, ecco, moderno!

      Elimina
    5. Lo sai già chi sono9 gen 2018, 12:50:00

      Praticamente quel tipo pensava che le persone bisex fossero omosessuali (in senso dispregiativo). Senza offesa Emanuele, ma il tuo commento non mi pare molto sensato e simpatico (sembra da nonnina), a parte se tu volessi intendere che ormai in epoca moderna alcune persone non vogliono identificarsi nè con lo spettro etero che gay, pero' posso assicurarti che quel tipo si è innamorato follemente di un sacco di ragazze.
      Riccardo -Io ho avuto un invito a cena del genere, per fortuna c'era una mia amica, sto tipo diceva che non ero normale perché ero vergine e credeva che non avessi vita sociale né niente (non ero a casa mia quando era successo) e mi perseguitava dicendo "fidanzati, fidanzati". Allora gli ho detto su che non me ne fregava niente né del suo amico immaginario che dovevo scopare (lo schifo, scusa) la situazione si è risolta e non si è fatto piu' sentire quel peppapig.
      Riccardo, purtroppo una volta ho dovuto chiarire che volevo solo amicizia da quel pazzo che ho citato nel commento sopra, è iniziato un periodo infernale durato da ottobre 2014 a ottobre 2015 con poi una ripresa (non cosi infernale) da marzo 2016 (si era autoinvitato alla laurea di una mia ex amica) a luglio 2016 (quando aveva cercato di invitarmi alla sua laurea quando già l'avevo escluso dalla mia). Non entrero' nei dettagli, ogni progetto che avevo era umiliato con grida, urla, poi vedeva le coppiette per strada (tra cui una mia conoscente molto educata con il suo ragazzo) e mi urlava incazzato: SONO DISGUSTOSI!!!
      Moz tranquillo che non stai giustificando nessuno, anzi stai spiegando un comportamento.

      Elimina
    6. Lo sai già chi sono9 gen 2018, 12:56:00

      mi pare sempre di strabordare...e in effetti..boh, guarda, se cancelli il mio commento sopra non ti infettero' di peste nera né di altro, so di essere polemica di mio

      Elimina
    7. @Ema: ahahaha grande citazione, viva Vacanze di Natale!
      Ecco, oggi frasi così non si potrebbero dire o quasi. Molti film non verrebbero manco girati.

      @Lo sai già: quella di Emanuele è una citazione da un film cult :)
      Mi spiace per la tua situazione, purtroppo quel ragazzo ha sicuramente dei problemi. Per fortuna è finita qui, altrimenti dovevi prendere provvedimenti...

      Moz-

      Elimina
    8. Lo sai già chi sono9 gen 2018, 13:28:00

      @Ema ah, okay era una citazione xD Guarda a me non offende la parola frocio (in senso bonario, se uno picchia un gay è un'altra cosa), poi rimango della mia che alla fine è solo nell'epoca moderna (o anche dagli antichi greci o dai moderni giapponesi?-li cito perché erano i due popoli a piu' alto tasso di "frocezza" xD) che la gente si sente libera di dire di essere da entrambi le parti. Comunque alla fine finché si ride e si scherza va bene tutto, anzi un amico supergay dei miei aveva detto che c'era una spiaggia piena di checche isteriche xDDDDD (ora pero' la chiudo qui: per me essere gay/etero/bisex è una cosa come tante altre che dovrebbe lasciare indifferenti xD)

      Si, lo dicevano tutte le mie amiche e anche un mio conoscente (che aveva la ragazza e tante amiche femmine). Quel mio ex amico era uno spostato, punto e basta, di quelli che per "amore" non vogliono vedere andare via la loro ragazza (che poi non ci siamo mai baciati, meglio baciare la tavoletta del cesso o lo scopino)perché è LORO. si è finita qui anche se mi ha cercato su whatsapp e su gmail piu' volte -_- dopo che sapeva già che lo odiavo da morire. è semplicemente la peggior persona che io abbia mai conosciuto.
      e concludo con una perla, sempre di quel pirla: quella mia ex amica da cui si era autoinvitato trovava il cartone dove Paperino è nazista razzista per le rappresentazioni degli amiketti giapponesi e qualcos'altro del fuhrer. (ok, a qualcuno questa cosa puo' dare fastidio, ma cosa ti aspetti da un filmato di PROPAGANDA?)L'avevo detta questa cosa tranquillamente al mio ex amico che era sbroccato in un attacco isterico. non sto scherzando.
      P.S.: ti ho detto che sono commenti abbastanza forti, quindi decidi tu se toglierli o meno ;)

      Elimina
    9. Il fatto di essere "moderni" era un modo in voga fino a qualche anno fa per definire una persona non per forza eterosessuale.

      Non sono commenti forti, stai raccontando la tua esperienza, non stai facendo nomi e cognomi :)
      Non ho capito la questione di Paperino :o

      Moz-

      Elimina
    10. Lo sai già chi sono9 gen 2018, 14:57:00

      si lo so, ora le nonnine pero' sono quelle moderne con gli amici gay (storia vera e ora lasciamo in pace tutti i gay, gli atei, i nonbianchi,i blu,i neri, i gialli, i credenti e gli etero del mondo)

      Quella cosa era che aveva sbroccato perché non era d'accordo con l'opinione della mia ex amica, aveva urlato in modo folle e aggressivo...solo per un cartone animato. O_o

      Elimina
    11. Ma come lasciamo in pace??? Io voglio tutti alla gogna. Chiunque è diverso da me, a morte! Non ami i Masters? Al rogo! Non ami i Lego? Al rogo!
      Non ami Berserk, Twin Peaks, Diabolik? Ti condanno alla pena della ruota!**

      Capisco... beh, è un bene che sia sparito dalla tua vita.
      Io pensavo di essere pazzo, ma quando sento certe storie... XD

      Moz-

      Elimina
    12. Vegana Nordcoreana & Losaigiàchisono9 gen 2018, 15:29:00

      Vegana Nordcoreana: Brutto MikiMozzuccinofettuccinealfredoandateamale, ti auguro la peste nera a nome mio e dei testimoni di geomagènuovocihalediagonalisupermagsonsettefortissimebarrettescusahosbagliato marca. xD Non ami le zanzare? Al rogo! Non ami i rottweiler? Al rogo! Mangi gli agnelli a Pasqua perché non ti rendi conto che sono superintelligenti e diventano scemi da adulti? Al rogo! Non ami ALF, il seitan di gatto, lo squaquerone veganordcoreano, la Svizzera e il cicciottello? Ti auguro di pestenerizzarti il prima possibile :D

      Lo sai già ch sono: già, e fidati che il 95% delle persone della mia facoltà lo odiava.
      Tu non sei pazzo, sei solo sfacciato (secondo me) e cazzone ;P

      Elimina
    13. Esattamente: ognuno metterebbe al rogo gli altri, se potesse.
      E io potrò :)

      Moz-

      Elimina
    14. Vegana Nordcoreana9 gen 2018, 17:25:00

      NO,IO!
      ALF!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

      Elimina
    15. Ne hai di strada da fare, bimba! :)

      Moz-

      Elimina
    16. Io voglio mettere al rogo Denis Verdini, il tumore maligno dell'Italia.

      Elimina
    17. Il burattinaio della politica italiana.

      Blogspot comunque sempre più lento! Per poter rispondere ho dovuto ricaricare la pagina!

      Elimina
    18. È così da giorni, non so perché. Pure da cellulare.

      Moz-

      Elimina
    19. Da smartphone lasciamo perdere che ogni ora che passa mi si sballa di più! In pratica funzionano solo Whatsapp e il Meteo!
      Ed essendo Windows Phone non posso manco installare antivirus!

      Elimina
    20. Le macchine si ribellano all'uomo, dopo la ribellione delle donne! XD

      Moz-

      Elimina
  10. Io per lavoro mi imbatto molto di frequente in vicende di stalking. E' una materia molto delicata e in termini processuali ho visto vicende simili finire in modi diversi. Di sicuro mandare sms insistenti e fare telefonate di notte sono condotte che facilmente configurano uno stalking. Poi chiaro che se negli sms scrivo "Ti prego mettiti con me", o scrivo "Ti ammazzo la famiglia", sono due cose diverse che in sede processuale ha rilevanza, eccome. E' la percezione dei fatti, all'esterno, che ci fa cadere nel dubbio. E' chiaro che anche io ho regolato determinati orari per poter incrociare la data ragazza, ma la storia è finita lì. Anche io ho fatto atti che inseriti in contesti molto ampi e in background diversi sarebbero stati da denuncia :D. E lo dice uno che per chiedere a una un appuntamento (se lo chiede) impiega tempi biblici. Dipende, in sostanza, sempre dal caso singolo. Ci può essere benissimo una persona che denuncia l'altra per stalking, semplicemente per vendetta. Ma è appunto la casistica. Quando leggo della 'mala giustizia' italiana mi viene da sorridere, perché si pensa sempre al tizio di colore che prende lo sconto di pena e non a quanto siano delicati questi processi, dove davvero si può decidere la vita di una persona.

    Venendo allo stupro, il codice penale recita: "Chiunque, con violenza o minaccia o mediante abuso di autorità costringe taluno a compiere o subire atti sessuali è punito con la reclusione da cinque a dieci anni", aggiungendo "abusando delle condizioni di inferiorità fisica o psichica della persona offesa al momento del fatto". Quindi è stupro se ottengo un rapporto sessuale con una violenza, una minaccia, ma anche un abuso di autorità, cioè piego la volontà della donna utilizzando la mia posizione diciamo di superiorità. Quindi se io sono un importante regista e dico a una ragazza "dammela o non ti faccio fare un film" e lei si piega alla richiesta, i presupposti per la violenza sessuale ci sono tutti. Il responsabile non può dire a sua difesa: "Lei era libera di darmi un ceffone di andare via". E' chiaro che la donna deve trovare la forza di non sottostare a questo abuso di autorità, ma allo stesso tempo non è facile se si è in determinate condizioni. Provo a spiegarmi: dalle mie parti c'è stata una gang che ha fatto due terribili stupri, ma la maggior parte degli stupri è consumato su ragazze che vivono difficoltà, ve lo posso assicurare. Questo non significa che chi è vittima di violenza sessuale è una persona di serie B e quindi lo stupro è giusto; volevo richiamarmi al discorso di cui sopra dell'abuso di autorità e delle condizioni di inferiorità PSICHICA (ancor prima che fisica). Penso magari a ragazze che cercano a tutti i costi di sfondare nel mondo dello spettacolo, magari perché hanno paura che senza quello, finirebbero in una strada. Magari a prostituirsi. Anche qui, non è possibile generalizzare, bisogna vedere caso per caso.

    Ad ogni modo ribadisco, se c'è stupro e io ho ottenuto un vantaggio, dall'avere subito quello stupro, ho pieno diritto a denunciare il mio stupratore. Questo a rigor di codice penale :)

    Di sicuro bisogna denunciare, ma a volta chi non ha la forza di opporsi al ricatto morale, non ha la forza neanche di denunciare. Certo per il diritto alla difesa, denunciare dopo tanto tempo è una cosa molto discutibile secondo me. Ma ripeto: lo shock che subisce una persona non lo proviamo noi, quindi non possiamo giudicare. Per questo alle domande del Moz non si può dare risposta: a volte è un meccanismo mentale alterato dalla paura; la paura di doversi scontrare con chi ha un nome importante; una tacita omertà di chi all'epoca ha dato il suo corpo perché voleva fare carriera.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma infatti, sono d'accordo con te: ogni caso va visto a sé e non si può generalizzare.
      Ovviamente hai colto l'aspetto ironico della mia frase sull'essere tutti staker. Anche io, quando mi piaceva qualcuno, specie da ragazzino, facevo partire telefonate anonime dove dicevamo cazzate canoniche (mica ansimavamo come porci!).
      Anche io ho fatto "appostamenti", anche io ho messo mani sulle spalle, su una gamba, tra altre mani. Insomma, oh, uno come cazzo fa a provarci sennò? XD

      Eppure ecco, coi limiti superati da tutti, sono pronto a scommettere che una pazza potrebbe denunciarmi perché le ho cinto le spalle col mio braccio, riaccompagnandola a casa.
      O che un pazzo potrebbe sfociare nell'ossessione e non lasciar perdere una persona che gli piace.

      Conosco un ragazzo che, innamorato di una, la seguì a sorpresa addirittura mentre lei era in gita all'estero. Tempo e soldi spesi per un amore non corrisposto. Oggi sarebbe stalking, perché di certo lei fu in imbarazzo e sicuramente la gita -o almeno quella giornata- fu destabilizzante. Ma all'epoca finì lì, nessuno parlò di molestie o di chissà cos'altro. Anzi, ad alcuni sembrò un gesto romantico.
      Oggi non pochi avrebbero l'ardire di accostare ciò a un matto che sfregia con l'acido la sua ex.

      Moz-

      Elimina
    2. Ti dico la verità, il ragazzo che insegue la ragazza all'estero non cadrebbe mai in un'accusa di stalking. E molti, anche oggi, lo vedrebbero come un gesto romantico. Altri invece lo biasimerebbero.

      Poi capisco dove volevi cadere con la tua provocazione: negli anni 2010, anni delle denunce facili (in tutti gli ambiti) è facile anche finire con una denuncia per una mano a cingere un busto.

      Elimina
    3. Guarda, eppure quel tizio era insistente con la ragazza, che non cedeva alle sue avances e lo aveva probabilmente rifiutato. Ha tentato il gesto supremo, farle una sorpresa -penso poco gradita- ma appunto, non si è mai sconfinati nel pericolo.
      Certo, poteva succedere, ma anche io posso essere un assassino seriale o un angelo della morte in ospedale, per dire... :)

      Moz-

      Elimina
    4. Ecco allora diciamo che il tizio ha rischiato di finire nello stalking! Se c'è un rifiuto bisogna desistere, come detto sopra.

      Elimina
    5. Sì, ma uno ci prova un po', dai.
      Comunque si trattava di ragazzi giovani, eh.
      Cioè voglio dire, se è così, pure io allora sono stato vittima di stalking.

      Moz-

      Elimina
    6. Riky... "se c'è un rifiuto bisogna desistere"... e io a questo'ora non avrei Sophia! 😝

      Sai quanti "due di picche" ho dato a Chris prima di accettare di uscire con lui... e la cosa che mi ha colpita è stata proprio la sua tenacia e la sua SANA insistenza!

      Non tutti quelli che ci provano a lungo sono stalker.. dipende dal modo in cui si fa!

      Elimina
    7. oddio, se uno è troppo insistente sicuramente non finisce per essere un stalker, ma può provocare fastidio all'altra persona. Poi chiaro che anche in questo (qui stiamo parlando di vita 'normale' non di casi ahimé che sfociano in fattispecie di reato) abbiamo tutti gli sviluppi possibili: nel tuo caso, il tuo Chris ha dato dimostrazione dell'antico proverbio "Chi la dura la vince"..

      Comunque sì, dipende dal modo in cui si fa!

      Elimina
    8. Ecco!!! Ahahah!
      Quindi Benedetta è la prova lampante che un po' stalker bisogna essere, mai mollare, perché alla fine -per sfinimento- si ottiene quel che si desidera XD
      Ahaha!

      Riccardo, secondo me era CHI L'HA DURO L'HA VINTA :p

      Moz-

      Elimina
    9. ahahhahaah

      aspettiamo il post sui rifiuti amorosi :D

      Elimina
    10. I post, allora. La serie di post! XD

      Moz-

      Elimina
    11. Scusate, ma quando è lei ad attuare un tira e molla con lui che l'ha "notata", con lei che alterna momenti di confidenza e manifesto desiderio di stare assieme sapendo l'interesse di lui, ad altri nei quali non si concede appena lui corrisponde... E quando lui si dichiara, lei "Mi spiace ma hai frainteso!" In tale situazione chi sta molestando chi?

      Elimina
    12. Questi sono i drammi della friendzone.
      C'è chi ne esce, quindi bisogna insistere: non sono molestie :)

      Moz-

      Elimina
    13. Ah quindi se lui tormenta è stalking, se tormenta lei è amicizia equivocata da lui.
      Va bene, si stava meglio quando non c'era la parità dei sessi, su questo fronte.

      Elimina
  11. Non sono d'accordo con tante cose che hai scritto...
    Prima di tutto, non è facile denunciare un abuso subito da un personaggio potente, per paura delle conseguenze, quindi ha perfettamente senso che in molti (e sì, anche uomini, mica solo donne) abbiano denunciato ora perché non si sentono più soli contro tutti. #MeToo è diventato un movimento e potersi sostenere a vicenda dà coraggio a tutti per poter denunciare.

    Poi, sull'argomento Kevin Spacey, io sono un po' combattuta... da una parte forse ha fatto degli errori, ma è comunque un bravissimo attore.
    Però pensa al marketing: se tu fossi Ridley Scott, non avresti paura che la gente boicotasse il tuo film per aver fatto recitare un attore che sta in mezzo a tutta questa bufera? E quindi, invece di rischiare di rimetterci, ha scelto la strada più sicura. Credo che sia semplicemente una questione di soldi, non una questione morale.

    E se uno mi fischia o mi urla dietro per strada, è una molestia, perché mi sta mancando di rispetto. Seriamente, credi davvero che ci siano donne a cui fa piacere? Che una venga lì a ringraziarti per il fischio? Non è un complimento, è essere trattate come un oggetto.
    Se uno proprio vuole farmi un complimento, lo fa in modo gentile, venendo lì a parlarmi, mica urlandomi dietro per strada. Trattandomi, appunto, come una persona e non come un oggetto.
    Quindi io continuo a mandarli a cagare senza problemi, perché non permetto a nessuno di mancarmi di rispetto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà siamo più d'accordo di quanto sembri, perché semplicemente io ho espresso le medesime cose... tra le righe, tra una battuta e una frase seria :)
      Mi spiego meglio:
      la mia paura è che, il fatto che sia scoppiato tutto ora e di colpo, possa essere una strumentalizzazione.
      Di certo, è diventato un hashtag.
      E ache un discorso altisonante ai Golden Globe.

      Togliere Spacey è appunto una questione economica in primis, altro che morale (ma non staremo pensando male? eheh).

      Se tu mandi a cagare la gente rispondi a tono al loro gesto scortese.
      A qualcuno piace essere fischiato? probabilmente sì, come a certi piace essere mandati a cagare... Non siamo tutti uguali^^

      Moz-

      Elimina
    2. Sicuramente c'è anche un po' di strumentalizzazione della questione, come succede con qualsiasi cosa. Adesso va di moda il femminismo, quindi le aziende ci marciano su e fanno gli spot in stile "girl power", "siete tutte bellissime" ecc...
      Ovvio che se c'è qualcosa che si può sfruttare per avere popolarità e/o soldi, qualcuno lo farà.

      Boh, a me non piace né essere fischiata né essere mandata a cagare, però ognuno avrà i suoi gusti! XD

      Elimina
    3. Senti, io sicuro ti dico "a bbonaaa!" se ci incontriamo: non denunciarmi però e non mandarmi a cagare :)

      Moz-

      Elimina
    4. Ti manderò a cagare sicuramente... ma con tanto affetto!!! :D

      Elimina
    5. Finché uno fischia a una donna quando è ragazzino, può rientrare in un contesto di "gioco", mettersi in mostra, competere coi coetanei su chi è più disinvolto e sfacciato. Resta antipatico ricevere un fischio d'ammirazione, ma se una "la si nota", una volta nella vita ci può stare.

      Ci sono poi adulti, dagli over 30 in su, che tutt'ora fischiano, seguono con lo sguardo la tipa, ne attirano l'attenzione con "Ti posso offrire qualcosa?" gridato per strada... Ecco, quelli non li si denuncia perché qualche problema psichico ce l'hanno, e siccome probabilmente tale handicap li fa rientrare in categorie protette con tanto di pensioncina d'invalidità, la denuncia se la devono piangere se arriva.

      Elimina
    6. Oh ma se manco puoi abbordare una ragazza per strada con "sei bella, posso offrirti qualcosa?" uno che cazzo deve fare per provarci? XD

      Moz-

      Elimina
    7. Dirlo da vicino è un conto.
      Gridarlo da un lato all'altro della strada non mi pare la stessa cosa.

      Elimina
    8. È un modo più colorato e cafone, sguaiato, ma esiste anche questo. Non è una molestia, è semplicemente poca galanteria. Sta a lei regolarsi di conseguenza: magari ci sta, le piace, che ne sai se non è buzzicona pure lei? XD

      Moz-

      Elimina
  12. Anche io sono stato molestato quando andavo a scuola negli anni 70, da una bellissima e sensuale insegnante che si chinava sempre di fronte a me e accavallava le gambe mostrando il reggicalze ma la cosa non mi è dispiaciuta...
    Ah no, sto facendo confusione con una delle commedie all'italiana, negli anni 70 non ero manco nato...

    Ho letto anche di Alessandro Haber ma non ricordo se fa parte del 2017 e a maggior ragione concordo con te!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Haber forse uno o due anni fa. L'avevo sentita anche io questa notizia... Non so come sia finita.

      W i film anni '70. Pochi problemi :)

      Moz-

      Elimina
  13. Il punto è che in mezzo a questo enorme calderone sta diventando difficile distinguere: in parte sono d'accordo con te con il fatto che forse qualche personaggio ci possa aver marciato, ma resta il fatto che lo scandalo è reale. E se non a tutte piace sentirsi fischiare dietro, è vero anche che forse un leggero distinguo tra abuso, molestie e volgare apprezzamento vada fatto. E' vero che se uno ti chiede di fargli un servizietto in cambio di poter lavorare tu puoi anche rifiutarti, ma il prezzo di quel rifiuto può essere altissimo e quindi resta il ricatto sessuale che è una cosa viscida e schifosa. Questo non toglie che molti degli atteggiamenti visti ai Golden Globes li abbia trovati forzati e mirati ad ottenere consenso ed applausi, il tutto in stile Hollywood. Ed anche questo mi ha nauseato. Credo alla fine che il mio parere esca da un mix del commento di Elisa Elena Carollo e della tua risposta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. PS: complimenti vivissimi per la tua intervista a Tirabassi, l'ho letta e l'ho apprezzata molto!

      Elimina
    2. Grazie mille, Daniel-San :)

      Che dire? Sì, anche io mi ritrovo nel commento di Elisa.
      Che in sostanza è ciò che dico tra le righe.
      L'America ha bisogno di show, sempre e comunque.
      Ad esempio, sulla scia di questi scandali (deprecabili, ripeto), ora si ha il discorso di Ophra che pensa di candidarsi -magari contro Ivanka-. Cioè, sono cose che non si vedono manco sul ring della WWE.
      E Trump ci andò davvero, al wresting. Ma i democratici e lo showbiz stanno facendo peggio, se le voci su Ophra saranno confermate. Peggio che dei bocchini promessi da Madonna.

      Moz-

      Elimina
  14. Sai bene che io sono sempre dalla parte delle donne... ma in questo caso proprio NO!

    PUNTO UNO: Credo che un uomo abbia il sacrosanto diritto di provarci con una donna senza essere considerato un maniaco sessuale! È successo a tutte, anche a me che non sono un'attrice famosa, che qualcuno, magari proprio un superiore, ci abbia provato, anche in maniera piuttosto "spinta"... e allora? Basta dire "NO GRAZIE"! E pazienza se si perde il lavoro, è sempre meglio che scegliere di perdere la dignità a di donna.
    Ho detto SCEGLIERE perché a queste signorine è stata data la possibilità di scegliere... cosa che invece non viene concessa ad una ragazza che cammina tranquillamente nel parco e viene assalita da qualche maniaco... quella è violenza sessuale, non questa!

    PUNTO DUE: Le denunce si fanno in caserma non in TV o sui giornali... se una donna si è sentita violentata, anche solo psicologicamente, è giusto che denunci il fatto, ma credo che marciarci sopra per avere un po' di visibilità sia un'offesa a tutte le donne che hanno DAVVERO subito violenza.

    PUNTO TRE: Ma quanto falso buonismo c'è in giro! Abbiamo tutti presente il Signor FAUSTO BRIZZI... possibile che nessuna donna abbia ceduto al suo fascino e, soprattutto, che nessuna AMMETTA di aver ceduto (sempre che lui ci abbia effettivamente provato, ovviamente!).
    Improvvisamente sono tutte delle sante... ma non ci dimentichiamo che ci sono donne che spontaneamente offrono se stesse a registi e produttori pur di avere una parte in qualche film... ma questo nessuno lo dice perché ciò non dá successo nè visibilità!

    Ripeto... ci vuole più rispetto per le VERE vittime!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Punto due assolutamente incontestabile :D.

      Sul tre in effetti c'è anche quel lato della medaglia: Tizia ha subito il fascino di Caio, è andata a letto con lui e ora fa 'ritorsione'.

      In effetti su Brizzi sono sorpreso anche io. Alla fine sei un regista con fama nell'ambiente, hai i soldi..magari non sposarti, ma delle donne da una botta e via le trovi, senza dover usare troppi espedienti. O sbaglio?

      Elimina
    2. Standing ovation!
      Se non fossimo entrambi impegnati ci proverei, senza rischiare una denuncia per molestie 😝

      Elimina
    3. @Benedetta: sul punto uno sono d'accordo nel diritto di provarci (cioè, io devo pur farlo in qualche modo, non posso rischiare di prendere una denuncia solo perché ti metto le mani sulla spalla XD).
      Però il rischiare di perdere un lavoro non è giusto. Nel senso che non bisognerebbe essere discriminati se non ci offriamo, tutto qui.

      Due e tre: d'accordissimo anche io^^

      Moz-

      Elimina
    4. Parafrasando ciò che ho detto prima:

      "I romantici piacciono solo a chi non è il destinatario dell'atto di romanticismo"

      aggiungo

      "Ha diritto di provarci solo chi ha la faccia per poterci provare"

      Che poi molte volte gli stalker, la storia ci insegna, sono proprio dei bei ragazzotti.

      Elimina
    5. Non è giusto perdere il lavoro, sono d'accordissimo!
      Purtroppo succede spesso ed è uno schifo!
      Ma, se il tipo si limita a proporti una cosa puoi denunciarlo per abuso di potere... non per violenza sessuale, credo! Non so se per la legge sia la stesa cosa ma io le vedo come due cose molto diverse!
      Se poi ti costringe a fare delle cose contro la tua volontà allora diventa una violenza vera e propria.

      Elimina
    6. Io sono romantico, a modo mio :)

      Comunque sì, c'è da distinguere tra caso e caso, non so la legge cosa dica nello specifico, ma è chiaro che sono cose diverse.

      Moz-

      Elimina
    7. Ema... secondo me quando si tratta di donne a te non ti fermano neppure le denunce! 😝
      Però "ti ferma" la tua fidanzata... e questa è una cosa bellissima!

      Riki...non so come siano andate le cose, ma concordo sul fatto che Brizzi non abbia bisogno di certi "mezzucci" per avere una donna!

      Miky... voglio un post in cui ci racconti tutto quello che hai fatto per conquistare le tue vecchie fiamme! 😊

      Elimina
    8. Quella mena!
      Una volta ho guardo per un secondo di troppo una ragazza che somiglia a Emma Stone (sono innamorato di lei da Suxbad), mi è arrivato un calcio sullo stinco che se ero calciatore mi aveva rovinato la carriera, E NESSUNO SI È ACCORTO DI NULLA per quanto è stata veloce!

      Elimina
    9. Lo sapete che in Star Wars non ci sarà più PALPATINE perché le palpatine sono molestie sessuali? XD
      Ok battuta del cazzo a parte, ah no, cazzo non si può dire che è maschilista... vabbè, eccoci:

      Benedetta: guarda, magari lo faccio davvero ma no è nulla di trascendentale e nulla che altri non abbiano fatto già. Che poi, praticamente ho ricevuto più rifiuti che altro, senza possibilità d'appello però...

      @Ema ahaha mamma mia... e se lei guardasse altri uomini? Se le dai un calcio, Ophra la prossima presidentessa d'America ti condannerà a morte XD

      Moz-

      Elimina
    10. Mamma mia, se vince Ophra smetto di sognare di andare a vivere negli States. Sulla politica sono completamente razzista e maschilista, non ci voglio vedere né negri (stavolta detto in modo dispregiativo) e né donne. Lei incarna entrambe le categorie! 😝

      Nel frattempo mi godo ancora 3 anni in cui gli anti-trumpisti si roderanno il fegato dandogli giù di Malox! 😀

      Elimina
    11. Il problema è che l'America è un cortocircuito: Trump è figlio di tutto questo. Ma tra un presidente che andò alla WWE e una presentatrice tv, c'è poca differenza: amano lo spettacolo e fare cose "all'americana". Ed è tutto qui: lei è negra e donna (in senso italiano e non dispregiativo dei termini) e questo farà spettacolo, come successe con Obama :)

      Moz-

      Elimina
  15. Io sinceramente non cosa pensare, però in effetti è un po' sospetto questo vortice di accuse, ma poi saranno vere o no? e se lo sono perché nessuno fa niente? Comunque la scelta di cambiare attore o non scrivere il nome del regista quando è chiaro chi la diretto, mi sembra davvero troppo assurdo, ma ormai di questo folle mondo non mi sorprendo..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molte sono assolutamente e purtroppo comprovate. Altre, secondo me, sono inviti al ristorante dove uno ha chiesto all'altro "prendiamo una camera?" e ora ci se ne esce con "limite superato" XD

      Moz-

      Elimina
  16. menomale che lo so che ti piace provocare|ironizzare e che certi passaggi di questo tuo post|calderone li abbia chiariti meglio nei commenti, altrimenti ci sarei rimasto un po' male a leggere certe cose scritte da te...

    la questione è troppo complessa, è un calderone appunto, c'è chi ci marcia, è vero, ma c'è chi il marcio l'ha subito sul serio e per colpa del primo rischia di non essere creduto o addirittura ridicolizzato.
    il contorno sciacallo che accompagna (e che inquina) tutta questa vicenda non deve però offuscare il significato, la potenza del messaggio e dell'azione di chi certe situazioni le ha vissute davvero. stanno parlando tutte adesso perché insieme si stanno dando forza|coraggio, perché l'unione è ciò che serve in questi casi, perché chiaramente sono stufe dei fischi, delle battute unte, dei secondi fini, delle mani addosso, delle mortificazioni, di tutto il resto dello schifo. perché così in ritardo? beh, perché magari esistono la vergogna, il dolore, il ricatto, la paura, il timore di non essere credute, la convinzione di essere deboli e non poter fare molto, perché magari prima erano 20enni sprovvedute e adesso sono 40enni coraggiose. secondo me nessuno si può permettere di giudicare tutti questi sentimenti.

    penso|temo anche che un gesto bifolco come il fischio, per quanto non grave come altri comportamenti, derivi comunque dallo stesso ragionamento che il maschio fa quando mette in atto altre cose, quando insulta, dice sconcerie non richieste, molesta, stupra, ammazza il corpo e l'anima di una donna, e cioè: "che problema c'è? sono maschio e i maschi forti così fanno, da sempre, così mi hanno insegnato, e posso permettermelo, chi se ne frega, tanto la donna è di serie B, forze anche C, è inferiore, è una costola, quindi la piego e la spezzo come mi pare, tanto sotto sotto ci sta, avanti, lo sanno tutti, perché le donne, tranne mia madre -ovvio- sono tutte troie.

    quindi no al fischio, anche proprio come fatto culturale - e poi si fischia ai cani, no alle ragazze - e no a tutto il resto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Parliamo, però, non solo di donne/ragazze. anzi, donne|ragazze :p
      Fischiare: si può fare anche a un ragazzo, si può gridare anche a un ragazzo "a bono!" lo fanno eccome.
      È un gesto un po' rozzo, come tanti altri. Anche una ragazza che rutta bevendo birra per me è rozza, per dire. Magari qualcuno apprezza (so di gente che, sentendo ruttare una ragazza, ha detto "tu sì che sei la donna per me"). Perfetto :)

      Rispetto massimo per i sentimenti anche di paura, solo che a me la cosa puzza: innanzitutto non credo che TUTTE siano state molestate e/o stuprate.
      Penso che in molti casi sia stato un invito a cena con "ehi baby, mi tira, andiamo a scopare?" e questo viene visto come un oltrepassare le regole.

      Insomma, oh, tutto quello che ti ho detto io allora dovresti denunciarmi XD
      E se ti prendo pure a sberle... mi condannano :p

      Moz-

      Elimina
  17. La questione è complicata e un sacco di gente ne ha già dibattuto.
    Per quel che vale la mia opinione, se sei in posizione di superiorità e fai delle avance e minacci la persona a cui ti sei approcciato, facendoti forza della tua posizione sei da condannare senza se e senza ma. Non importa se l'abusante è un magnate del cinema o il caporeparto in una fabbrica il "o me la dai o perdi il lavoro" è da condannare senza se e senza ma. Ed è per certi versi fisiologico che le denunce scattino molto dopo, quando le vittime si sentono al sicuro e non rischiano più di perdere il posto, quale che sia. Una persona ha diritto a tenersi il suo posto di lavoro senza darla via, che sia un operaio o un attore/attrice.
    Detto questo le sentenze si fanno in tribunale e un artista può essere una deprecabile persona e un grande artista insieme. Quindi questa sorta di tentativo di cancellare il buon Kevin, porco o non porco che sia (lo stabilirà forse la giustizia), mi piace poco. Lui è e rimane un grande attore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Su Spacey la vedo come te, considerato anche che mi pare non abbia violentato nessuno (ci ha provato insistentemente, pare...).
      D'accordissimo sul ricatto: da condannare.
      Però ancora mi suona strano che TUTTE MO si siano sentite al sicuro. Come mai?

      Moz-

      Elimina
  18. Mille storie, mille anime, mille vicende e ciascuno/a che le vive a seconda della propria persona. Io non mi sento di giudicare nessuna/o, né di giustificare alcuno e non sono il custode della verità... mi son sempre stati sul cazzo quelli che hanno una risposta su tutto, come se gli idioti fossero sempre gli altri.

    Ho un'idea su queste storie? No, non ce l'ho, perché non conosco quelle attrici, quegli attori, quei produttori e non sono il legale delle parti lese, quindi se parlassi sarebbe solo per far bella figura e me ne sbatto il cazzo di tante belle frasi ad effetto. Certi comportamenti sono deprecabili, certe scelte sono sbagliate, certe debolezze ci condannano e certe ingenuità ci condannano in un altro modo.

    A volte forse ci dimentichiamo di essere esseri frangibili, sia da vittime che da carnefici... sbagliamo, facciamo del male e ci facciamo del male e tutto ciò è la natura umana e questo ci rende ciò che siamo: fallibili.

    Io non ho mai stalkerizzato nessuno... sono troppo rispettoso del mio ego per poterlo fare, ma conosco la natura umana che comprende tutto ciò che può comprendere.

    Non sono nessuno per sminuire una testimonianza di una ragazza a cui è stata fatta violenza, e non sono nessuno per giudicare una testimonianza che avviene 10-20 anni dopo... bisogna viverla una guerra per sapere che dolore fanno certe ferite, perché chi giudica e ha un'idea per il solo gusto di averne una è solo una testa di cazzo.

    E' un gioco sporco, dove per qualcuno questo gioco vale la candela e per altri è solo una merda... è la vita ed è l'essere umano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sminuisco testimonianze, non giudico le persone (né le vittime, né i carnefici, fermo restando che condanno certi comportamenti).
      Diciamo che un po' mi puzza di strumentalizzazione, l'essere uscito tutto adesso allo scoperto, per tutti.
      È vero che siamo fallibili e che siamo vittime e carnefici, coi nostri sbagli...

      Moz-

      Elimina
    2. Appunto, come sopra.

      Elimina
  19. Vi ricordate quando capitò a Schwarzenegger? Lui si scusò pubblicamente, poi diventò addirittura Governatore e continuò a recitare finita la carriera politica.. e fece più o meno quello che fece Spacey.. non so perché con Spacey c'è stato così accadimento

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me Swartzie, che è CONAN, che è TERMINATOR, che è JOHN MATRIX, può stuprare chi cazzo gli pare e pure me.
      Sarà sempre un grande *___*

      Moz-

      Elimina
  20. Da studente di Giurisprudenza dico semplicemente che chi sbaglia, paga. Molestie e stupri sono ben diversi dal corteggiamento ed è per questo che è possibile denunciare chi compie questi reati.

    Ha senso denunciare dopo decenni? per come la penso io, ni.
    Mi spiego.
    Da un punto di vista giuridico, se il reato non è prescritto, puoi denunciare un po' quando ti pare, è una scelta. Da un punto di vista psicologico, la situazione è complessa. Nel diritto privato esiste il timore riverenziale (art. 1437 c.c.) e, in soldoni, se firmi un contratto o fai qualcosa di giuridicamente rilevante in questa condizione mentale, sono affari tuoi: ciò che hai fatto è valido.
    Ben diversa è la violenza, anche mentale, che una persona influente come un attore o un produttore, può esercitare verso il povero sbarbato che vuole spiccare il volo e far carriera.

    Sono dell'idea che, dopo la prima denuncia, tutte le vittime di molestie o stupri abbiamo trovato il coraggio di aggregarsi al gruppo e di "ribellarsi" a questa situazione squallida... è un po' quello che è successo con le prime organizzazioni sindacali: insieme siamo più forti del datore di lavoro che ci sfrutta.

    Chiaramente c'è chi ha cavalcato l'onda per "buttare merda" verso Spacey & co., ma non per questo tutto il fenomeno va bollato come "strumentalizzazione". Anzi.

    D'altro canto che fine può avere una pena che arriva 20/30/40 anni dopo i fatti? Lo dico io: a nulla. Ecco il motivo del mio "ni"... giustissimo dar modo ai magistrati di far luce su questioni del genere, ma meno giusto farlo dopo decadi!

    Spero che questo fenomeno dia molta più forza alle persone e che possano trovare il coraggio di denunciare SUBITO! Troppo facile farlo quando hai già fatto carriera!




    RispondiElimina
    Risposte
    1. Però scusa, se il tipo dopo decadi è ancora in giro e "pericoloso" io direi che è doveroso dire la propria come testimonianza contro la persona in questione, in modo che non accada più... mica per un tornaconto personale (poi che ci sia chi lo fa per notorietà o altro, senza dubbio).

      Elimina
    2. @Kiral: grazie per le precisazioni.
      Sì, serve a poco ma soprattutto ti rende un po' ridicolo, perché passi per quello che comunque si è stato zitto (omertà o addirittura tacito consenso e sopportazione) per ottenere qualcosa. Magari non è così, ma questo messaggio può passare.

      @Miky: vero anche questo. Se il personaggio è tuttora pericoloso è giusto che sia bloccato (vedi Weinstein).

      Moz-

      Elimina
    3. @Miky e @MikiMoz quello che avete detto mette in luce L'ENORME complessità del problema che di certo non può esser semplificato (come fanno molti media).

      Non esiste bianco e nero, ma solo un'infinita scala di grigi... ecco perché esistono i tribunali e perché i mezzi d'informazione, prima di parlare, dovrebbero aspettare quantomeno una sentenza di primo grado... altrimenti possono rovinare delle vite inutilmente.

      Elimina
    4. Be' su questo sono stata sempre assolutamente d'accordo, il linciaggio mediatico prima ancora di un verdetto certo di colpevolezza è sbagliato. Anche se a volte mi sembra si sia arrivati a questo laddove le forze dell'ordine non muovevano un dito... o dove alcune leggi non consideravano reati un certo tipo di reati, o bastavano i soldi a mettere tutto a tacere. Comunque non sono abbastanza informata per pronunciarmi riguardo questo punto.

      Elimina
    5. @Kiral e Miky: perfetto, grazie ancora per le vostre precisazioni e commenti.
      In effetti dare tutto in pasto ai media è terribile, anche perché succede che se si viene assolti nessuno ti rinominerà con lo stesso, pomposo modo di quando ti ha accusato.

      Moz-

      Elimina
  21. miki, la penso esattamente come te, in questo grande calderone c'è chi ne sta approfittando per un po' di notorietà

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente, ed è uno stupro ulteriore alle vittime.

      Moz-

      Elimina
  22. Non ho capito molto la storia delle nonnine moderne e dei gay.
    Per quanto riguarda il tuo post in cui ti chiedi il perchè dopo tanti anni, spiattellano di essere state violentate, penso che sia un modo come un altro di tornare in qualche modo alla ribalta, di far parlare un pò di sè. Vedi attricette o soubrette cadute nell'oblio.
    l'America poi si sa che è mondo tutto particolare a cui noi, modesti italiani, cerchiamo di assomigliare. Abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo si riferisca al fatto che ormai la mentalità è cambiata e anche le nonnine (un tempo tradizionaliste) ora hanno amici gay XD

      L'America è certamente il paese delle contraddizioni: lo show business è pronto a eleggere Ophra Comecazzosichiama come Presidente nel 2020, mentre il resto ha votato in massa Trump.
      Vedi tu quanto sono contraddittori.

      Moz-

      Elimina
  23. Ciao Moz,oggi le molestie verso femmine o maschi,sono il fatto del giorno che oramai dura da qualche mese.Naturalmente si considerano solo le molestie di persone famose,molestate da ricchi e famosi,dimenticando,perche non fa notizia che questo vergognoso comportamento esiste da sempre e non solo nel jet set,che volendo possono difendersi,ma succede in tutti gli ambiti di lavoro,dal supermercato all'ufficio,dove,vergognosi satrapi ,si approffittano di chi non può difendersi,pena la perdita del posto di lavoro.
    Ciao fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uh, questo è verissimo: quel che abbiamo visto nel mondo del cinema è lo specchio di quanto succede -forse in modo pure peggiore- in tutti gli altri ambienti! :D

      Moz-

      Elimina
  24. mi pare che tu non abbia capito la favola dei vestiti nuovi dell'imperatore.

    Mi pare anche dai commenti che esistano solo i due estremi, da una parte lo stalking bavoso stile goccia cinese (ah ma che sto a dì, è voja de scopà, scusame ahò, che l'ommo è ommo e fanno bene i maomettani a metteje 'r asciugamano 'n testa alle donne che sennò l'ommo nun ce vede più) e dall'altra parte un esercizio di totale zerbinissimo asservimento, che proprio non si capisce come mai si venga friendzonati, cavolo! con tutte le dediche e le compilation che ho fatto ho accumulato sufficienti punti coito per effettuare lo scambio di fluidi corporei come da regole strettamente codificate

    due cose opposte che alla fine hanno il medesimo substrato ovvero che tutto si riconduce a un do ut des accuratamente pesato e regolamentato come se fosse un dungeons and dragons di stocazzo.

    i nerd sono persone di merda e meritano il celibato eterno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, ma qui non si parla di nerd sfigati, ma di produttori cinematografici importanti.

      Il mio post voleva proprio far riflettere tutti per tornare a una dimensione normale che è nel mezzo dei due estremi che citi.

      Moz-

      Elimina
    2. Aspetta Ex, in qualche commento io stesso ho divagato verso le tematiche sulle quali ti sei soffermato, ma comunque si è parlato sostanzialmente di molestie, ricatti ecc.

      Spero che i commenti siano stati comunque costruttivi, benché talvolta si sia divagato anche per fare la battuta smorza tensione.

      Elimina
    3. Sui produttori cinematografici e sullo scetticismo verso le testimonianze uscite tutte assieme, ripeto: è la stessa storia della favoletta dei vestiti nuovi dell'imperatore.

      Non vedo comunque perché un nerd che ragiona in termini di do ut des non possa applicare la stessa logica idiota anche se è quando diventa famoso

      Uno sfigato coi soldi è lo sfigato alfa, ma sempre uno sfigato resta

      Elimina
    4. Il problema è forse l'accettare il do ut des.
      Ci sono dei casi limite, dove sei succube, e dei casi dove è prostituzione^^

      Moz-

      Elimina
  25. Mode che vanno, mode che vengono..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La prossima toccherà i blogger :)

      Moz-

      Elimina
  26. Per rispondere alla/e domanda/e che ponevi all'inizio, cioè perché la denuncia a orologeria?
    Perché la persona ha vissuto un trauma e le risposte sono diverse a seconda della persona. In biochimica, di fronte a un evento stressogeno, si parla di "reazione combatti o fuggi", che può essere anche trasposto nella psicologia. C'è chi reagisce e risponde combattendo, denunciando subito. Ma c'è anche chi fugge, in questo caso psicologicamente: vissuto il trauma, la persona cerca di rientrare nella normalità dimenticando, facendo finta che non sia successo niente. E' sostanzialmente un meccanismo di difesa psicologico. In questo può inoltre esserci anche l'intervento della censura, il meccanismo di rimozione psichico di ogni cosa possa risultare angosciante per l'individuo. Il trauma però ha causato una ferita nella psiche del soggetto, e questa non guarisce di certo: pertanto lo tormenterà fino a quando non farà qualcosa. I tempi di risposta però non sono uguali per tutti: ci possono anche volere degli anni per trovare la forza di farlo.
    Perchè poi tutti assieme? Perché non è facile affrontare il percorso umano, psicologico e legale della cosa. Rivivere il trauma (sindrome post-traumatica da stress), timore di non venire creduti, sfiducia nella giustizia (specie se verso chi è potente) sono solo alcuni dei motivi che rendono le persone restie ad affrontare un cammino del genere. Per cui nel momento in cui qualcuno ha la forza di incamminarsi, diventa più facile accodarsi. Più facile, ma non più semplice.
    Poi sì, è possibile che ci siano anche degli speculatori. E quelli fanno schifo quanto gli orchi e i porci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, appunto: al di là delle giuste risposte su come si affronta un trauma (reazioni, tempistiche...) esiste anche il fatto che sembra (o può sembrare) strumentalizzato il muoversi assieme in questo senso.
      Francamente, a me fa sembrare un po' ridicolo un fatto pur gravissimo.

      Moz-

      Elimina
  27. Caro Mikimoz,

    Ciò che scrivi è francamente allucinante.

    1) perché la gente molestata si sveglia solo ora?
    Perché aveva paura. Perché si vergognava. Perché era un suicidio per la carriera e magari tiene famiglia. Perché forse l'ha detto prima e nessuno ci ha creduto. Perché quando nessuno ti crede metti in dubbio i tuoi ricordi e le tue sensazioni.

    2) perché le persone cedono a ricatti di natura sessuale? Perché è sempre una questione di potere, ed è il motivo per cui in molti paesi esiste l'aggravante di un rapporto di potere sbilanciato. Perché non sei sempre in grado di reagire con freddezza, specie quando hai paura.

    3) perché tutti adesso? Perché Weinstein è stato tra i primi (nonostante si sapesse da anni, e i giornalisti hanno aspettato prima di pubblicare la storia per essere sicuri) e ha, per così aperto le gabbie.

    4) l'insistenza è stalking? Fischiare è una molestia? Usa questa regola semplicissima per capirlo: se fai un complimento, una telefonata, mandi messaggi a una persona che chiaramente ti fa capire di non gradire le tue attenzioni, cioè se oltrepassi un confine posto da una persona, è SEMPRE una molestia. E ti dirò di più: se si crea una condizione (per esempio per una dinamica di potere, o se la persona è incapacitata da alcol o droga) per cui l'altro non è libero di esprimere il consenso? Molestia e/o stupro. Semplicissimo.

    5) perché la gente non si limita a rifiutare le avances? Chiedilo alle vittime di stalking e stupro e scoprirai che si sono rifiutate ma sono state costrette - dalle circostanze, o fisicamente.

    Ma soprattutto, il motivo per cui tutto quello che ti sembra strano accade è riassunto in questo tuo commento francamente disgustoso:

    MikiMoz9 gen 2018, 17:33:00
    Per me Swartzie, che è CONAN, che è TERMINATOR, che è JOHN MATRIX, può stuprare chi cazzo gli pare e pure me.
    Sarà sempre un grande *___*

    Moz


    Se non vedi come le cose siano collegate, come l'autorità di una persona famosa sia un lasciapassare per qualsiasi comportamento agli occhi dei fan poco accorti, ti consiglio - come ultima ratio - di immaginarti di avere una persona cara stuprata da Swartzie. Dopo mentre vi guardate assieme Commando le spieghi che è stato un privilegio?
    Fammi sapere.

    Pace e bene,
    Luciano Ratatatatata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Luciano, ciao e benvenuto a bordo.
      Potrei risponderti semplicemente dicendoti "l'ironia, questa sconosciuta" anzi, direi "autoironia", perché nel commento parlavo anche di violenza a miei danni.
      È logico che fosse un commento scherzoso dopo tanta serietà.
      Mi dispiace che debba spiegarlo, ma vabbé.
      Per inciso, Swartzie per me è un idolo davvero, nei personaggi interpretati e come attore. Se ha fatto qualcosa di sbagliato umanamente, lo condanno, ma per me resta un mito.

      Chiarito questo punto, e francamente le tue frasi finali sì che fanno rabbrividire..., ti dico che i punti che citi, se leggi bene il mio post, li cito anche io.

      Anche quella del "siamo tutti stalking" era una battuta, perché oggi esagerano tutti. Basta una telefonata notturna per far partire accuse. Io stesso, innamorato di qualcuno, avrò oltrepassato dei limiti, anche quando ero stato rifiutato: all'inizio non molli, ci provi sempre un po' e speri che l'altra persona possa cambiare idea.
      Non ho fatto nulla, comunque, di grave (anzi, cose che tutti hanno fatto) e non devo certo giustificarmi. Nessuna persona si è lamentata o mi ha denunciato, nemmeno tra quelle che mi hanno rifiutato e con cui ho insistito un po', e sai perchè? Perché non sono stalker, non sono un malato di mente ossessionato dalle cose :)

      Moz-

      Elimina
    2. Ecco, a volte sono così logorroico da non riuscire a spiegare bene un concetto. Infatti quello che dice a Luciano al punto 4) è una delle cose che ho cercato di spiegare

      4) l'insistenza è stalking? Fischiare è una molestia? Usa questa regola semplicissima per capirlo: se fai un complimento, una telefonata, mandi messaggi a una persona che chiaramente ti fa capire di non gradire le tue attenzioni, cioè se oltrepassi un confine posto da una persona, è SEMPRE una molestia. E ti dirò di più: se si crea una condizione (per esempio per una dinamica di potere, o se la persona è incapacitata da alcol o droga) per cui l'altro non è libero di esprimere il consenso? Molestia e/o stupro. Semplicissimo.

      Esattamente, se io ci provo con una e questa mi mette una barriera, io non posso dire: "Va beh sfondo quella barriera e la conquisto".

      E' capitato anche a me recentemente. Ho scritto su whatsapp a una persona che mi piaceva, con il classico "ciao come stai come va come non va", lei ha troncato subito il discorso. Un po' di giorni dopo ho riaperto quella chat per riscrivere e ho visto che non vedevo né la sua foto profilo né l'accesso di Whatsapp. Mi ha tolto dalla sua lista. Io potevo benissimo riscriverle, avrei avuto un'altra risposta fredda e secca, ma se avessi continuato lei avrebbe trovato molesto e fastidioso il mio comportamento. Poi chiaro che mi avrebbe bloccato e tanti saluti.

      Poi normale che ci siano casi in cui la donna rifiuta le avances ma lascia comunque una porticina aperta. E' quando questa porticina che è chiusa totalmente che dobbiamo capire e rinunciare.

      Elimina
    3. https://en.wikipedia.org/wiki/Controversial_Reddit_communities#Incels

      Elimina
    4. il link di cui sopra non e' per il caro Riccardo Giannini che invece riflette sui suoi stessi errori

      Elimina
    5. Luciano, in generale la mia visione sulla vicenda "Wesenstein e c." l'ho già esplicitata ed è sostanzialmente la tua, ma ammetto che forse non sono stato chiarissimo in certi passaggi. Inoltre ad esempio, leggendo il commento di Benedetta, ho detto che sono stato pienamente d'accordo solo sulla sua osservazione che le denunce vadano fatte in caserma e non in tv.

      Se ti riferivi invece ad errori in generale, beh, la tua frase mi calza a pennello :)

      Elimina
    6. "5) perché la gente non si limita a rifiutare le avances? Chiedilo alle vittime di stalking e stupro e scoprirai che si sono rifiutate ma sono state costrette - dalle circostanze, o fisicamente."

      Ma per favore. Chi cede è zoccola (o puttano), punto.
      E non paragoniamo stalking o addirittura STUPRO con le avance, perché insulti e ferisci le vere vittime di cose veramente brutte!

      Chiedo scusa a Moz per il possibile flame ma non potevo tacere!

      Elimina
    7. Rispondo in generale a tutti:
      lo stalking è quando subentra patologicamente un'ossessione verso una persona. Non è la telefonata notturna, non è l'sms ripetuto.
      Lo stalking è sempre, è essere sgradevoli e sgraditi perché si va a invadere la sfera intima di qualcuno.
      Non si tratta di avances, che tutti hanno diritto di fare e perpetrare (altrimenti come cazzo si fa a provarci con qualcuno?).
      Le avances sono un'altra cosa, e spesso si insiste anche in quello. Spesso insistiamo o per amore facciamo follie (positive) del tipo seguire chi ci piace in un viaggio, a sorpresa, o comprare qualcosa di grande, o scrivere sui muri... C'è chi andava pure a Stranamore.

      Oggi purtroppo si è arrivati a una dimensione dove anche il corteggiamento, quando sconfina un po' (perché se ci piace una persona, sconfiniamo automaticamente) paradossalmente può essere denunciato da persone stronze.
      Stronze esattamente come la ragazza che a Riccardo ha chiuso la serranda in quel modo (addirittura rimuovendoti dai contatti, che cazzo c'hai, la lebbra?).

      Mi dispiace, ma ci vuole umanità anche nel rifiuto. Come tutti, ho preso dei due di picche (e dati) e comunque spesso con gente con cui sono rimasto amico o in contatto.
      Era questo il senso del post: tornare a ragionare al di là di discorsi altisonanti e/o strumentalizzati.

      Weinstein (e l'ho scritto nel post stesso) è un caso grave conclamato.
      Ha approfittato di tante persone facendo leva sulla sua posizione.
      Ma sono d'accordo con Emanuele: c'è una leggera differenza tra ricatto psico-sessuale e stupro effettivo senza scelta, almeno per me.

      Moz-

      Elimina
    8. Ragazzi, i vostri ragionamenti mi lasciano molto amaro in bocca, eppure e' molto facile, ve lo scrivo nella maniera piu' semplice possibile, cosi' capite.

      A ci prova con B. A ha potere virtualmente illimitato sul futuro di B, o almeno questo e' cio' che B percepisce. B ha bisogno di lavorare per mangiare. B rifiuta una volta. B rifiuta 2 volte. B rifiuta 3 volte. Alla quarta volta A dice a B che o accetta o ha finito di lavorare. B accetta e fa sesso con A. B e' disgustata e traumatizzata da questa esperienza, ma durante tutta la storia sa o crede di non aver mai avuto scelta.
      Risultato: A ha stuprato B.

      A ci prova con B. B rifiuta. A insiste. B rifiuta e chiede ad A di smettere di farsi sentire o vedere. A invece insiste, scrive a B, segue B al lavoro, sotto casa, eccetera. B non e' piu' in grado di vivere normalmente nonostante abbia preso le misure necessarie per non vedere/sentire A.
      Risultato: A fa stalking a B, e ha molestato B.

      A ci prova con B. B rifiuta. A insiste. B rifiuta e chiede ad A di smettere di provarci. A insiste. Non arriva allo stalking, ma ogni volta che parla con B continua a provarci. B si sente sempre piu' a disagio con A e cerca di evitarlo/a a tutti i costi.
      Risultato: A ha molestato B.

      A ci prova con B. B non rifiuta nemmeno: lo/la blocca su Whatsapp, su Facebook, su Twitter e pure su MySpace. A trova altri modi, altri numeri, altri account per continuare a parlare con B. B aveva agito con molta chiarezza, ma questo non ha fermato A che insiste.
      Risultato: A ha molestato B.

      Nessuno di voi si trova o si trovera' nella posizione di A nel primo caso. Ma l'esempio serve a far capire che lo stupro non e' soltanto una cosa che avviene nei vicoli bui e in punta di coltello.

      Mi auguro che nessuno di voi si trovi nella posizione di A nel secondo caso.

      Se siete A, e vi trovate nel caso numero 3, chiedetevi sempre se B e' a disagio e cambia le sue abitudini pur di non parlarvi. State cercando di oltrepassare i limiti posti da B. State forzando il vostro rapporto con B, e quindi: state molestando B.

      Se siete A e vi trovate nel caso numero 4, sapete benissimo qual e' l'intenzione di B: fermatevi immediatamente. Altri tentativi sfociano automaticamente nella molestia.

      Ora, il mondo e' pieno di B che:
      - non vengono creduti/e
      - vengono colpevolizzati/e (vedi il nostro "appassionato di gnocca" Emanuele di Giuseppe che dice: se cedi sei una puttana)
      - non sono disposte a rischiare tutto pur di avere giustizia nel momento che voi ritenete congruo
      - vengono isolati in base alle loro scelte di non cedere, di accusare, di denunciare

      Il tatto nel rifiuto e' una forma di educazione e di cortesia, ma non e' dovuto a nessuno. Un rifiuto non oltrepassa nessun limite.
      Il tatto nelle avances, invece, e' dovuto e necessario. Ogni azione verso qualcuno implica il rischio di oltrepassare un limite.
      Conoscere i limiti e non oltrepassarli e' non solo il segreto di una relazione sana con i B della vostra vita, ma anche la base del vivere civile.

      Nota a margine: ho scritto questo commento trattenendomi molto nei toni e nelle bestemmie che alcune frasi quivi lette mi avrebbero spinto a far scorrere. Se leggo altre cose disgustose tipo "se cedi sei una puttana" non riusciro' piu' a mantenere un tono amichevole e probabilmente mi faro' bannare.

      Elimina
    9. Ma figurati, Luciano, non banno nessuno: possiamo dirci tra noi quel che vogliamo, siamo adulti (tranne me che sono dodicenne) e vaccinati ;)
      È uno spazio libero per scambiarci opinioni varie, anche un po' estremiste, ma si resta amici -almeno spero-.
      Nemmeno io sono sempre d'accordo con tutti i miei lettori, non siamo macchine. In ogni caso, provo a dire la mia.

      Io sono d'accordo con te.
      Permettimi di dissentire su una cosa: il tatto non è dovuto a nessuno ma penso ci voglia sempre.
      Il mio post, tra una battuta e un'esagerazione (volute, ovviamente, anche per scatenarci un po') era proprio un appello al ritorno a una dimensione più normale.

      In America sinceramente credo che molto sia stato strumentalizzato, in bene e in male.

      Sullo stalking, oggi c'è così tanto interesse a riguardo -e paranoia- che davvero ci sono persone che possono denunciarti per quello che è un normale atto di avances.
      Vglio dire: io metto le mani sulla gamba di una ragazza per vedere se ci sta, e lei mi denuncia. Può succedere, ma è davvero molestia?
      O semplicemente un approccio?

      Sono casi difficili, da giudicare appunto caso per caso, e penso proprio che nel calderone americano spesso siano finiti anche episodi simili, ora bollati come molestie o limiti oltrepassati.

      Questo è il succo del post.
      Per inciso, anche io sono stato "vittima" di avances ripetute e spesso imbarazzanti, a vederla come si vede oggi, potevo denunciare per stalking. Ma non era stalking, perché quella persona non era stalker.
      Bisogna essere sociopatici per diventare stalker.

      Moz-

      Elimina
  28. Sembra che lanci il sasso e nascondi la mano.Quando i toni salgono ti nascondi dietro l' ironia,dietro la battuta. È facile fare così.Anna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma dai, si capisce benissimo che è una battuta, da "può stuprare pure me"!

      Proprio a cercare il pretesto per puntare il dito! :(

      Elimina
    2. Anna, ti stoppo subito: l'ironia è presente già nel post iniziale, quindi non è che la uso quando i toni salgono.

      Moz-

      Elimina
    3. per la prossima edizione del monopoli la carta "uscite gratis di prigione" verrà rinominata in "ironia"

      Elimina
    4. Secondo me si sta esagerando: l'ironia è la mia per una battuta, IO NON HO COMMESSO NESSUN CRIMINE, né ho oltrepassato i limiti oltre il buon gusto o per squilibri mentali!
      Un conto è quel che ho scritto io -e se non si è capito il post, rileggetelo- un conto sono le azioni criminose e/o scorrette delle persone che cito.

      Moz-

      Elimina
    5. No, non sono d'accordo, Moz ha scritto un post e nei commenti ha ampiamente spiegato quel che intendeva su vari punti, dove c'era dell'ironia non capita l'ha spiegata e ha giustamente espresso quali fossero le sue perplessità sull'argomento... non mi sembra abbia nascosto proprio niente, e se fa una battuta (che poi puoi anche pensare sia di cattivo gusto, che discorsi) è stralibero di farla, fra l'altro non ha offeso nessuno, ha fatto dell'autoironia e non si è tirato indietro davanti a nessuna discussione. Magari facessero tutti così!
      Sul fatto che tu non abbia commesso nessun crimine Moz... non lo so, secondo me c'hai la faccia da furbetto :D :D :D (non mi querelare per diffamazione)

      Elimina
    6. Che devo dire... se un crimine l'ho commesso, è ovviamente quello di aver scritto un post VOLUTAMENTE fatto così come lo avete letto.
      Premesso che, come sempre, io non dico tutto-tutto nel post perché mi piace sviluppare il discorso con voi nei commenti (ma questo vale anche per una banale recensione o per un post su un fumetto)^^
      Questo è il mea culpa che posso fare: ho scritto un post per innescare un discorso come fossimo in un salotto, in un bar virtuale. Ognuno ha detto la sua, pro e contro, non cerco consensi ma cerco dibattiti e confronti, anche leggeri (odio la pesantezza). Insomma, se non ci foste voi come community, nemmeno potrei farlo, dunque GRAZIE :)

      Moz-

      Elimina
    7. @gas sei mai stato stalkerato? Non credo proprio da come commenti.Anna

      Elimina
    8. Anna, una cosa: qui non si vogliono affatto sminuire crimini REALI come stalking, molestie, stupri e ricatti sessuali.
      E parlo a nome di chiunque abbia commentato, che fossero d'accordo con me o meno.

      Semplicemente si invitava tutti a tornare a ragionare non come "massa" ma come persone :)
      Dalle tue parole ho immaginato che tu sia stata stalkerata criminosamente, e mi dispiace per l'esperienza che hai vissuto. Spero ora sia tutto risolto.

      Moz-

      Elimina
  29. Il caso è soltanto mediatico, dove lo scandalo è una parola che non ha senso. Siamo in controtendenza evolutiva, dove si va a caccia di molestatori così come nel medioevo alle streghe. Basti pensare che tra tutte le accuse su Weinstein, NESSUNA di queste è stata formalmente denunciata alle autorità, e le vittime sono in totale ASSENZA DI PROVE. Accuse che valgono un fico secco, però purtroppo ci sono i media, queste grandi aule giudiziarie dove si sentono autorizzati a puntare il dito. Questo femminismo e questa morbosa tutela delle donne sono il nuovo cancro delle coscienze: euomini e donne non avranno mai parità se continueranno di questo passo. Siamo arrivati a dover modificare la trama di una favola o addirittura bandirla, è ridicolo: il principe che bacia la bella addormentata è diventato un molestatore perché la principessa, in sonno profondo, non può acconsentire al bacio. MA DOVE CAZZO SIAMO ANDATI A FINIRE? Fortunatamente esistono vere e splendide donne che non hanno nulla a che spartire con il chiocciare di queste galline che non sono nient'altro che TROIE CONSENZIENTI.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dove tutti*
      #erratacorrige

      Elimina
    2. Infatti ho molto apprezzato l'intervento di Angela Lansubury a riguardo, donna sempre stata di gran classe.
      Vero, oggi i processi si fanno sui media, ed è proprio questo il SECONDO tema di questo post, quando cito il discorso ai Golden Globe dove trionfa il nero lutto.
      Non ti sembra una strumentalizzazione del caso? Uno stupro ulteriore a chi ha subito queste violenze/molestie?
      A me sì.
      Ma in America funziona così, dopotutto hanno un presidente che atterra gli altri sul ring della WWE e una prossima presidentessa che presenta show in tv.
      Noi, come sempre, ci accodiamo.

      Moz-

      Elimina
    3. Ma la mancanza di prove contro Weinstein e compagnia bella implica per forza che tutte le accusatrici siano, cito testualmente, "TROIE CONSENZIENTI"?
      Non possiamo sapere se queste queste accuse vadano prese tutte per vere (o tutte per false, peraltro), ma di sicuro la parità dei sessi non può essere raggiunta con una mentalità che mette in dubbio qualunque affermazione fatta da una donna contro un uomo. Insultandola pure gratuitamente, poi.
      È vero che gli yankee hanno questa tendenza a vedere sessismo/oppressione anche dove non ce n'è, ed è vero che certe denunce andrebbero fatte in sedi più appropriate, ma questo dovrebbe invalidare il fatto che ci siano (forse) state donne che si sono sentite a disagio per via del comportamento di Pezzo-Grosso-Tal-Dei-Tali? No, sono tutte "galline" allora?
      E, di grazia, come sarebbero queste donne "vere e splendide"? Quelle che hanno denunciato Pezzi Grossi vari allora in realtà... non sono donne?
      Giuro che quando vedo certi ragionamenti mi sale la misantropia...
      -Shinchou-

      Elimina
    4. Penso che Sandrino volesse dire -almeno da come ho inteso io- che i processi mediatici fanno solo tanto scalpore e giuridicamente non portano a niente. Fanno scalpore e possono essere strumentalizzati, aggiungo io.

      Per inciso, nel mio post ho persino detto che sessismo femminismo e oppressione non c'entrano, tanto che ho "dedicato" il tutto a Kevin Spacey (che si è dichiarato omosessuale, dunque lasciando da parte le donne).

      Non sono tutte galline e per certo moltissime delle accuse sono reali, ma il come vengano perpetrate (via media) e cosa sia successo dopo, sinceramente mi sembra ancora più uno stupro verso le vittime...

      Moz-

      Elimina
    5. Lo so che le accuse contro Spacey riguardano uomini, ma il commento a cui rispondevo prendeva specificatamente di mira le donne coinvolte in questa faccenda.
      Anch'io penso che i media non siano il modo migliore per gestire la cosa, ma forse gli accusatori avranno pensato che la "macchina del fango" fosse l'unica via per farsi prendere sul serio... visto che, come altri commentatori prima di me hanno fatto notare, molte volte le denunce fatte per via ufficiale NON vengono prese sul serio, ancor più se la persona accusata è così potente socialmente.
      -Shinchou-

      Elimina
    6. Eh, però -se da un lato va bene comunque che se ne parli- giuridicamente tutto questo non porta a molto e finisce come sempre in una bolla di sapone, durata giusto il tempo per far vestire a lutto lo star system che si rifà il look e lancia il nuovo candidato alla Casa Bianca... ;)

      Moz-

      Elimina
  30. È un tema vecchio e con mille sfaccettature. Parlando in generale e non del caso particolare, alla base, a mio parere, c'è ancora la donna che in qualche modo si sente inferiore all'uomo e quindi affronta l'uomo in atteggiamento di sudditanza. Se invece si sentisse tale e quale a lui non avrebbe timore di girare da sola sui treni, nelle vie, non avrebbe timore di rispondere anche alle eventuali molestie come si deve. Purtroppo siamo lontane da 1968 e dal 1977.
    Ciao Miki.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un punto di vista molto interessante.
      E se la lontananza da una reale parità dei sessi (che, se ci pensiamo, è persino un concetto assurdo per quanto dovrebbe essere naturale e non sbandierato o guerriglieggiato...) si amplificasse paradossalmente proprio con questi scandali, che da un lato sono controproducenti alla causa?

      Moz-

      Elimina
    2. Come ti dicevo, le donne non sono più quelle di quei periodi storici in cui la parità si era affacciata e poi, col passare degli anni, si è dimenticata di nuovo.

      Elimina
  31. Se XX preferisce sputtanare XY nei salotti TV e dare sotto i riflettori la sua versione dei fatti, piuttosto che denunciare le violenze alle autorità, io personalmente metto in dubbio ogni veridicità delle sue accuse. É un parere personale, se sei misantropa il problema è tuo. Hai soltanto replicato lì dove ritenevi di farlo, senza il minimo cenno di approvazione sul caso "favola censurata", ad esempio. Perché? Perché siamo ormai in una società convinta che la tutela delle donne sia sempre lecita, con qualsiasi mezzo. Non sono d'accordo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so se Shinchou riuscirà a leggere qui, visto che non hai risposto direttamente a lui (è un ragazzo, comunque).

      Ne approfitto perché mi ero dimenticato di dire la mia sull'altra questione che sollevi: modificare favole e finali di opere in vista di una visione più moderna.
      Questo sì che è francamente assurdo, allucinante.
      Ma se ci pensiamo, Paperino non mangia più pollo né prosciutto perché oggi viene visto come cannibale (o perché è meglio essere vegetariani?)^^

      Moz-

      Elimina
    2. >Sandrino
      Sulla fiaba censurata ho risposto commentando sull'eccessiva fissazione degli americani per la correttezza politica (ho dedotto che fosse successo in America perché è lì che tendono ad indignarsi anche per stupidaggini). In un altro commento dicevo che secondo me queste persone si sono rivolte ai media perché credevano di poter essere prese sul serio solo lì. Che poi qualcuno ne abbia approfittato per farsi pubblicità non lo escludo neanch'io, ma ciò non significa che tutte le testimonianze vadano subito dubitare a priori.
      >Moz
      Certo, se vogliamo applicare la correttezza politica estrema anche ai personaggi Disney, allora dobbiamo eliminare o Pippo o Pluto, visto che la loro coesistenza dà molto da pensare. XD
      >Entrambi
      Non ho mai specificato il mio sesso di appartenenza perché non credo che sia importante, in ogni caso potete usare qualunque pronome/declinazione di genere preferite con me. Non mi offendo :D
      -Shinchou-

      Elimina
    3. Avevo scritto una risposta ma per qualche motivo è scomparsa. La riscrivo qui...
      >Sandrino
      Sulla fiaba censurata ho commentato parlando dell'eccessiva fissazione degli americani con la correttezza politica (ho dedotto che la censura fosse avvenuta in America perché è lì che più spesso si indignano anche per stupidaggini). In un altro commento dicevo che ritengo che gli accusatori si siano rivolti ai media perché credevano che fosse l'unico modo per essere presi sul serio. Che qualcuno possa averne approfittato, per esempio per guadagno personale, non lo escludo neanch'io, ma questo non significa che tutte le accuse vadano liquidate a priori solo perché sono state fatte in un modo piuttosto che in un altro.
      >Moz
      Certo, se vogliamo applicare la correttezza politica estrema anche ai personaggi Disney, allora dobbiamo eliminare o Pippo o Pluto, perché la loro coesistenza dà molto da pensare. XD
      >Entrambi
      Non ho mai specificato il mio sesso di appartenenza perché non credo che sia importante. In ogni caso potete usare qualunque pronome/declinazione di genere preferite con me, non fa differenza. :D
      -Shinchou-

      Elimina
    4. Eccoci, il primo commento era finito in spam! :)
      Ma come? Sei un ragazzo al 100% perché parli di te al maschile, a qua non si vedranno mai cazzate del tipo ciao a tutt*, quindi identifichiamoci nei due generi, mentre massimo rispetto per i gusti sessuali e le preferenze genderiali di ognuno XD

      Per correttezza politica, oggi nemmeno City Hunter potrebbe esistere, perché sarebbe considerato un modello pericolosissimo (di fatto, è un maniaco sessuale e molestatore).
      Ma potremmo fare altri mille esempi.
      Sai che non so dove sia successa la cosa della Bella Addormentata e dell'opera lirica (la Carmen) che vogliono cambiare?
      Magari scopriamo che è proprio nella nostra assurda Italia XD

      Moz-

      Elimina
    5. Sul serio? Cerco di usare un linguaggio il più neutrale possibile, cosa ti fa pensare che io sia maschio? :P
      In ogni caso puoi continuare a chiamarmi al maschile, certamente, ma non saprai mai se hai indovinato o no. XD

      Elimina
    6. Ahaha ma davvero non hai mai parlato di te al maschile? Ero CONVINTO. Anzi convint* ahaha! Scherzo.
      Ma sul serio... non avevo notato questa cosa ed ero convinto che eri un ragazzo. Ma se sei una ragazza va bene uguale 😂
      Come mai questo mistero gender? 😄

      Moz-

      Elimina
  32. Così. Preferisco che siano soltanto le mie parole a definirmi. :)
    -Shinchou-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, per come sei intervenut* (sono costretto a scrivere cose, adesso, maledett*! 😂) finora, ti descrivono bene.
      Ma, in soldoni, hai il pisello o la patata? 😄

      Moz-

      Elimina
    2. *a scrivere così, non cose 😎😝


      Moz-

      Elimina
    3. Non te lo dicooo! :P
      Però, ti prego, non usare quegli asterischi assurdi, mi ricordano troppo un certo blog nazifemminista estremista che mi è capitato di leggere una volta. Pensi che sia un ragazzo? Chiamami al maschile allora XD
      -Shinchou-

      Elimina
    4. Nooo dai!
      Ora, dopo questi scambi di battute, mi sembri effettivamente più una ragazza.
      Forse mi aveva confuso, precedentemente, il fatto che citassi materie scientifiche che stavi studiando, e ho accumunato la cosa a un ragazzo (io ragiono a stampi, per facilitare i miei neuroni XD).
      Così mi intrighi, attent* che posso diventare uno stalker XD

      Moz-

      Elimina
    5. Ci sono cose che preferisco lasciar segrete. :P Basta asterischi però, per favore! XD
      -Shinchou-

      Elimina
    6. E se ora mi innamoro di te come si fa? XD
      Comunque, a parte gli scherzi, perché lasciar segreta questa cosa?
      Cosa ti spinge a questa decisione?^^

      Moz-

      Elimina
    7. Ci tengo a mantenere molto alta la mia privacy. :)
      -Shinchou-

      Elimina
    8. Allora una domanda: come mi hai trovato? Come ho fatto ad arrivare sul Moz o'Clock? 😉

      Moz-

      Elimina
    9. Hai fatto, maledetto t9!

      Moz-

      Elimina
    10. Cercavo notizie sulla bufala (alla fine è ciò che si è rivelata...) della Blue Whale, e ho trovato il tuo articolo che ne parlava. Ho pensato che il tuo blog fosse proprio nelle mie corde visto il mio interesse per le cose nostalgiche e quindi ho deciso di seguirti. Anche se commento quasi sempre solo su discussioni come questa, in realtà leggo quasi tutti gli articoli :)
      -Shinchou-

      Elimina
  33. Ho letto un po' di commenti e anche il post ovviamente e penso manchi un tassello importante: perché certe denunce sono uscite ora? Perché le inchieste e le denunce prima venivano bloccate e messe a tacere con ricatti, con avvocati, con altri sotterfugi. È ovvio che nel calderone mediatico vada di mezzo un po'tutto, ma immagino che in sede legale (quella reale) faranno chiarezza fra chi si è lanciato giusto per un po' di fama (che poi è chiaro che con una denuncia oltre un quarto d'ora di successo non avrai altro, non è che diventi automaticamente un attore o una attrice di talento). La gogna mediatica poi ok è terribile, ma bisogna vedere se rivela che quel caso ha fondamenti di verità (vedi il caso di Brizzi dove persone che nemmeno si conoscono hanno dato la stessa versione dei fatti).

    RispondiElimina