[re/lics] Sea Monkeys, le scimmie di mare


Quella che sto per raccontarvi è una storia che dagli anni '70 arriva fino a oggi.
Il post mi è stato ispirato dal commento di un utente nel post dove si parla della rivista Più e il suo gioco.
Ricordate le Sea Monkeys, ossia le scimmie di mare?
Chi di voi è stato bambino negli anni '70 o primissimi anni '80 le ricorderà sicuramente: gli spot erano diffusi ovunque, su varie testate (pare anche su L'Intrepido) e dal disegno -e grazie all'ignoranza generale in biologia marina- promettevano cose meravigliose.
Bustine con polverina "magica" che, lasciata in acqua, avrebbe fatto nascere e crescere le scimmie di mare: la pubblicità col coupon le mostrava come esseri tipo tritoni.
In realtà si trattava di gamberetti.




Artemia salina. Così si chiama.
Una tipologia di crostacei lunghi 15mm che vive più di Matusalemme e che resiste praticamente anche alle guerre nucleari.


Ma all'epoca mica si sapeva cosa fosse l'artemia salina, no.
E quindi, in terra americana, qualcuno pensò bene di diffondere questi scampi pubblicizzandoli come animaletti da compagnia da ammaestrare manco fossero cagnolini.
E dagli USA ovviamente tutto ciò arrivò anche in Italia.

Passa la moda e intanto questi crostacei, oltre a diventare materia di studio, finiscono nei negozi di acquari perché ottimi come cibo per i pesci casalinghi.
Insomma, vengono venduti per ciò che sono -con confezioni anonime- e non per ciò che vorrebbero farci intendere siano -con packaging colorato e giocattoloso-.

Sì, in sostanza di questo si tratta: facevano passare questi esseri viventi alla stregua di giocattoli.
E con tale questione arriviamo a oggi, o meglio a pochi anni fa.
2011.
La linea Skifidol, che ripropone anche cult della nostra infanzia tipo lo slime, cosa tira fuori?
Skifidol di mare.
E di cosa si tratta?
Ma semplice: le Sea Monkeys!
Gli anni '70 tornarono, però, solo per breve tempo.
In sostanza, dagli anni di piombo a oggi, qualche legge è cambiata e non si possono più vendere animali come fossero giocattoli. Magari mentre il papà acquista la Gazzetta.
Ci fu un maxisequestro e la storia finì così.
Addio scimmiette di mare, avete lasciato l'edicola, ma chiunque può tornare bambino e recuperarle in un negozio di acquari.


34 commenti:

  1. Me le ricordo bene ed ero sempre fra due cuori: da un lato lo volevo per curiosità, dall'altro mi faceva ribrezzo l'idea di una "scimmia" in acqua. Non mangerò più gamberi adesso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le ha ancora un mio amico, chiuse da 30 anni dentro una boccia di vetro sigillata. Non so come facciano a nutrirsi, ma non muoiono.

      Moz-

      Elimina
    2. Ma in realtà è che proprio la boccia era sigillata all'origine, non può essere aperta!
      Lui da piccolo mi diceva "si nutrono col sole" e io avevo sempre creduto fossero non proprio degli animali veri e propri... bohh XD

      Moz-

      Elimina
  2. Mai sentite queste scimmie di mare, grazie della spiegazione, mi fai scoprire cose nuove.😊 A presto!👋

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Vanessa! Per me è sempre un piacere (ri)esplorare con voi ogni anfratto del pop!
      E poi questo post, tra l'altro, mi è stato ispirato da uno dei vostri commenti... meglio di così!!^^

      Moz-

      Elimina
  3. Le ricordo benissimo anche su molte delle riviste settimanali dell'epoca, insieme ai mitici occhiali a raggi x.
    Mio fratello ordinò le scimmie di mare, ma si stufò in poco tempo e non ricordo la fine che gli fece fare, per fortuna. :-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha sicuramente scaricate nel cesso!
      Ma tanto, se ho ben capito, non sono sicuramente morte... sono resistentissime!!^^

      Moz-

      Elimina
  4. Ricordo le pubblicità su qualche rivista del gruppo editoriale di Telesette...
    Non ci ho mai capito molto, finalmente ora so. Che schifo di presa in giro...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eggià... quasi una truffa... ma erano altre epoche^^

      Moz-

      Elimina
  5. Sono stato bamino sul finire dei '70 e mi ricordo bene di queste scimmie di mare, come dei famosi occhiali ai raggi x ... un mondo misterioso e strano, tra mito e leggende urbane. Simpatica l'idea di riparlarne, come le scimmie stesse :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere che il post ti abbia interessato.
      Prestissimo parlerò anche di tutte quelle altre cose tipo occhiali a raggi X :)

      Moz-

      Elimina
  6. Da piccola le ho avute ma di recente le ho dovute allevare in massa per nutrire altri animali.. sono un mostro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ognuno ha diritto di mangiare :)

      Moz-

      Elimina
  7. Ah, che salto indietro! Ricordo benissimo le pubblicità sui giornali. Io che ci casco con tutte le mie trecce e supplico mio padre di comprarle! Ma lui, ovviamente irremovibile, fa crollare ogni mia velleità e io che mi arrendo e mi dispero.
    Salvo poi vedere questi cosetti nell'acquario di un compagno di scuola e tirare un sospiro di sollievo dinanzi alla loro totale mancanza di bellezza e significato. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha, che secondo me, poi, la gente credeva davvero di vedere delle scimmiette. Invece sono gamberetti infinitesimali XD

      Moz-

      Elimina
    2. Sì sì, io VOLEVO il mio piccolo acquario con le scimmiette dell'illustrazione! ah ah ah

      Elimina
    3. Eheh vedi tu cosa può fare il marketing anni '70... quando nessuna bufala era verificabile :)

      Moz-

      Elimina
  8. A me facevano impressione. Immaginavo questi esserini girovagare nell'acquario e la cosa m'inquietava.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nulla più che piccolissimi gamberetti, alla fine.
      Certo in un romanzo, uno di loro è diventato antropomorfo XD

      Moz-

      Elimina
  9. Ma dico io...stupita...non conoscevo...
    Davvero li davano come cibo per pesci? Rabbrividisco...
    Ciao Miki.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, è normale usare crostacei e esseri simili come cibo negli acquari...
      A me fa rabbrividire che li vendessero come giocattoli XD

      Moz-

      Elimina
    2. Mi sa che c'hai ragione.

      Elimina
    3. Credo non si tratti solo di queste seamonkeys^^

      Moz-

      Elimina
  10. Ma non sono i krill che le balene mangiano a tonnellate? Perché mi sembrano proprio loro.
    @Pia
    In natura, tutto vive mangiando qualcos'altro che era vivo, anche noi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao e benvenuto/a a bordo :)
      Non sono proprio i krill ma sono qualcosa di simile:)
      E' vero, tutto viene mangiato, anche noi^^

      Moz-

      Elimina
    2. Caspiterina Dinz...
      Ed io che pensavo non fosse così... ; /

      Elimina
    3. Eh, purtroppo è così: il mondo non è vegano XD

      Moz-

      Elimina
  11. Risposte
    1. Davvero?
      Meglio per te, non sei caduto in una delle stramberie di quegli anni^^

      Moz-

      Elimina
  12. In effetti mi ero sempre chiesto che accidenti fossero "ste scimmie di mare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedi? Roba da scienza weird-pop XD

      Moz-

      Elimina
  13. Ma sai che non ho mai avuto il coraggio di comprarle? Se le ammazzo, mi dispiace un casino :/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma infatti non devono essere uccise, sono essere viventi.
      Però non temere, a meno che non le mangi o le... boh, schiacchi? loro non muoiono, resistono a tutto^^

      Moz-

      Elimina